Menu

proposta di Voltolina (Udc)

«Mercato del giovedì da raddoppiare»

CHIOGGIA. Il mercato del “giovedì” due volte a settimana. Lo propone, come ricetta anti crisi, il presidente della III commissione consiliare (commercio) Andrea Voltolina dell’Udc, convinto che i...

CHIOGGIA. Il mercato del “giovedì” due volte a settimana. Lo propone, come ricetta anti crisi, il presidente della III commissione consiliare (commercio) Andrea Voltolina dell’Udc, convinto che i flussi di clienti che muove il mercato creino riflessi positivi anche sul commercio stanziale e in particolare sulle attività di riva Vena che accusano pesantemente la crisi.

Un’idea assurda secondo l’Ascom che invita gli amministratori a trovare soluzioni più concrete, come una riduzione delle tasse, per andare incontro al commercio locale.

«La crisi economica sta colpendo violentemente il centro storico di Chioggia», sostiene Voltolina, «e soprattutto riva Vena dove fino a qualche tempo fa lo shopping era vivacizzato da venditori ambulanti che offrivano soprattutto prodotti alimentari. Riva Vena viene visitata di più del solito durante il giovedì con il mercato e naturalmente qualche beneficio ne traggono anche i commercianti».

Da questa considerazione nasce la proposta di Voltolina di raddoppiare il “xioba” che per i chioggiotti è un rito imperdibile con qualsiasi condizione meteo. «Perché non creare un altro appuntamento durante la settimana?», propone il consigliere dell’Udc, «non credo che le attività commerciali sarebbero sfavorevoli».

E invece pare proprio che l’idea non crei entusiasmi tra le categorie economiche locali. «Non ci siamo proprio», spiega il direttore Ascom, Maria Grazia Marangon, «se davvero Voltolina vuole aiutare il commercio locale proponga alla sua amministrazione di ridurre il costo dei parcheggi o le tariffe della Tia che stanno strozzando molte attività. Faccia pressioni perché vengano utilizzati velocemente i fondi dei Patti territoriali per sistemare l’arredo urbano del centro storico e ridipingere i portici ridando dignità al nostro salotto buono».

Una puntualizzazione poi sui riflessi delle presenze al mercato del giovedì. «Per aiutare il commercio», continua il direttore Ascom mandamentale

, «si deve spendere nelle attività locali gestite da persone che vivono, spendono e pagano le tasse a Chioggia. Le economie spese al mercato del giovedì se ne vanno tutte fuori città». (e.b.a.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro