Menu

il movimento arancione

Ingroia ora mette assieme pezzi sparsi della sinistra

Il Pd è stato il primo a mettere insieme le liste. Ora tocca al Pdl e al Centro di Monti, Fini e Casini e alla Lega di Maroni. In laguna intanto si lavora per mettere insieme le altre alleanze. La...

Il Pd è stato il primo a mettere insieme le liste. Ora tocca al Pdl e al Centro di Monti, Fini e Casini e alla Lega di Maroni. In laguna intanto si lavora per mettere insieme le altre alleanze. La novità più importante, che punta a raccogliere tra il 5 e il 7 per cento dei consensi, è quella costituita dalla lista Ingroia. L’ex magistrato antimafia di Palermo con il suo movimento arancione prova a mettere insieme pezzi della sinistra e del mondo ambientalista, ma anche ciò che resta di Italia dei Valori di Antonio Di Pietro, pur provata in questi mesi da numerose scissioni e defezioni. A cominciare da due consiglieri su quattro in Comune (Nicola Funari e Valerio Lastrucci) e da quella dell’ex capogruppo al Senato Massimo Donadi, avvocato mestrino che ora correrà alleato con il Pd con il centro democratico di Bruno Tabacci e Francesco Rutelli. Dunque, l’Idv. Con il coordinatore regionale Gennaro Marotta e i due assessori Bruno Filippini e Pierfrancesco Ghetti, quest’ultimo un papabile candidato. Ma anche Rifondazione-Federazione della sinistra di Sebastiano Bonzio, che insieme al partito dei Comunisti italiani di Renato Darsiè punta a esprimere almeno un candidato al Parlamento, da dove manca da cinque anni.

Con gli arancioni ci sono anche frammenti della Rete e della Cgil, i Verdi di Angelo Bonelli, che si sono separati da quelli di Gianfranco Bettin, confluiti in Sinistra e Libertà di Vendola. Sel ha fatto le primarie il 30 dicembre, e ora attende di completare la lista con le indicazioni che arriveranno da Roma. Intanto i più votati alle primarie sono stati l’ex capogruppo dei Ds in Provincia Nadio Grillo per il Senato e l’ex assessore di Ca’ Corner Rita Zanutel per la Camera. Primarie on line per i Grillini, che puntano a superare il 10 per cento, dove la più votata è stata Arianna Spessotto, 27 anni, disoccupata di San Donà di Piave. Alla Camera saranno candidati Marco Da Villa (37 anni, del centro storico), Emanuele Cozzolino (32 anni di Mirano), Federico Bonollo (36 anni di Jesolo), l'operatrice turistica Sonia Xausa (38 anni di Caorle), Cristiano Farina (trentottenne veneziano), Nicola Mainardi (39 anni di Veternigo), Marco Sambin (disoccupato mestrino di 38 anni) e Giorgia Bellemo (artigiana trentanovenne di Cavallino Treporti). In attesa di un posto in lista per il Senato Federico Munerotto (40 anni di Martellago), Susanna Michieli (42

anni di Vigonovo), Giacomo Bortoluzzi (42 anni di Mirano), Raffaella Pasqualin (quarantenne di Musile di Piave), Gian Luigi Placella (64 anni , chirurgo in pensione di Venezia) e Alessandro Lenza (48 anni, dipendente pubblico di Mestre). Tutte facce nuove della politica.(a.v.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro