Menu

Uno “stormo” di mongolfiere mette in crisi l’aeroporto

Partite da Dobbiaco erano impegnate in una gara di lunga distanza. Diversi gli atterraggi di fortuna. Si temeva per la sicurezza degli aerei.

MESTRE. Hanno volato per centinaia di chilometri sorvolando montagne, valli, fiumi e campagne. E poi alla meno peggio sono atterrate tra Monestier, Musile di Piave e Annone Veneto. Chi tranquillamente chi con planaggi di fortuna e qualche scossone. Si tratta di una quindicina di mongolfiere partite da Dobbiaco, in provincia di Bolzano, e impegnate nella prova di lunga distanza del Dolomiti “Baloonfestival”.

Alcune di loro, “intercettate” dai radar dell’aeroporto Marco Polo, hanno causato l’interruzione, breve, dei voli da e per l’aeroporto Veneziano. Nessuno, infatti, aveva comunicato all’Enac l’arrivo delle mongolfiere e si temevano problemi per la sicurezza degli aerei.

U+na delle mongolfiere, con quattro austriaci a

bordo, è finita sulla barena a ridosso della laguna a Musile, un’altra ha sfiorato un ristorante e una serra a Fossà, frazione di San Donà di Piave. Nessuno è rimasto ferito. Tantissime le telefonate ai centralini delle forze dell’ordine di cittadini preoccupati per gli atterraggi di fortuna.

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro