Quotidiani locali

Elezioni nel portogruarese

Manrico Pedrina presidente Ascom

PORTOGRUARO. Sono stati eletti i nuovi organi della Confcommercio del Portogruarese, che a livello mandamentale conta 1200 associati. Il nuovo presidente mandamentale è il caorlotto Manrico Pedrina...

PORTOGRUARO. Sono stati eletti i nuovi organi della Confcommercio del Portogruarese, che a livello mandamentale conta 1200 associati. Il nuovo presidente mandamentale è il caorlotto Manrico Pedrina (in foto), attivo nel campo delle assicurazioni e già delegato per Caorle.

Pedrina resta in carica anche come presidente del Consorzio Promozione Turistica di Caorle, ente nato dopo la scissione da Bibione. Vicepresidente, e presidente della delegazione di Bibione è Guglielmo Favit, figura storica di Confcommercio nel Veneto orientale. Per la delegazione comunale di Portogruaro è stato confermato Massimo Zanon, presidente regionale di Confcommercio. A Concordia Sagittaria il timone è passato a Eligio Molent, mentre a San Stino di Livenza è stato riconfermato a Luca Ricatto.

Gli altri delegati sono: Nicola Morsanutto per Fossalta di Portogruaro; Graziella Comparin per Gruaro; Francesco Romanin per Cinto Caomaggiore; Andrea Favero per Annone Veneto, Fulvio Battisacco per Teglio Veneto e Corrado Fratter per Pramaggiore. Rinnovate inoltre le cariche dei rappresentanti di categoria. Celio Bortolussi al turismo, Sabrina Visentin ai servizi; Doriano Trevisan per il settore alimentare, e Alessandra Piccolo per la categoria commercio non alimentare. Giovanni Mazzarotto rimane alla guida dei Giovani Imprenditori, mentre Angela Fonati guida il nuovo gruppo Terziario Donna.

Il primo discorso ufficiale di Manrico Pedrina è incentrato sulla crisi che sta affrontando il settore del commercio ormai da cinque anni. «In un momento di particolare difficoltà è necessario che l’associazione sia forte e coesa. Ci attendono mesi duri, sfide da vincere. Chiederemo maggiore attenzione a tutti i livelli ammnistrativi: Comuni, Provincia, Regione».

Un discorso quello del nuovo presidente

che coinvolge anche le banche. «Il governo Monti ha dato una grossa mano alle banche» conclude «Ora devono essere le banche a far ripartire l’economia, concedendo l’accesso al credito per le piccole e medie imprese».

Rosario Padovano

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista