Quotidiani locali

Raid vandalico a Torre di Mosto

Danni alle auto in sosta e furti. Rovesciati davanti alle case i bidoni dei rifiuti

TORRE DI MOSTO. Raid vandalici e furti a Torre di Mosto, i cittadini protestano e chiedono più controlli.

La scorsa notte in via don Sturzo numerose auto in sosta sono state prese di mira da ignoti. I proprietari si sono trovati vetri infranti, specchietti rotti, carrozzerie graffiate, con danni ingenti. Qualcuno ha subìto anche dei furti nell'abitacolo delle auto parcheggiate. Come se non bastasse, i vandali hanno anche rovesciato dei bidoni della spazzatura contenenti rifiuti umidi, riversati poi sulla strada.

Uno spettacolo disarmante per chi abita lungo la strada coperta di immondiziona maleodorante. Quanti hanno aperto le porte di casa si sono trovati davanti la strada con bidoni e immondizia dappertutto e poi le auto rovinate inesorabilmente. Inevitabile la protesta, tanto che i residenti stanno pensando di costituirsi in un comitato per far sentire la loro voce.

Gianfranco Moro, commerciante di Jesolo attivo presso l'associazione commercianti del litorale, ha stimolato la nascita del comitato che invoca maggiori controlli. Ha dei parenti a Torre di Mosto e ha deciso di scendere in campo dopo che lui stesso si è trovato l'auto colpita dai vandali. «Torre di Mosto è una cittadina cresciuta molto in questi anni», spiegano i residenti, «ma con tanti problemi e disagi che sono la conseguenza diretta di questa crescita. La criminalità è uno di questi problemi da risolvere. La cittadina non ha una stazione dei carabinieri, quando invece sarebbe necessaria. Poi ci sono dei

paradossi, come il rilevatore di velocità in pieno centro per controllare le auto in transito e il rispetto dei limiti. Le risorse e l'impegno per questa centralina ci sono, ma per il resto evidentemente no».(g.ca.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista