Quotidiani locali

Mille espropri lungo l’A4 tra San Donà e Alvisopoli

È scattata la procedura per la costruzione del secondo lotto della terza corsia Fino al 12 novembre i proprietari dei terreni potranno formulare osservazioni

Terza corsia dell’A4: scattano le procedure per gli espropri riguardanti il tratto di 33 chilometri tra il casello di Noventa-San Donà e il ponte sul Tagliamento, dove sarà costruita anche la futura uscita di Alvisopoli. Sono previsti circa un migliaio di espropri, che coinvolgeranno sia proprietari privati che aziende e svariati enti. L’elenco completo di tutti gli espropriati è stato pubblicato ieri su La Nuova Venezia con un avviso a pagamento firmato dal commissario per l’emergenza A4.

Il tratto interessato è il secondo e ultimo lotto riguardante il Veneto Orientale. Il primo lotto, tra Quarto d’Altino e San Donà, è già in fase di costruzione. Per il tratto tra San Donà ed Alvisopoli, invece, attualmente è stata ultimata la progettazione definitiva ed è in fase di completamento l’iter istruttorio da parte del Comitato tecnico scientifico. Si tratta di passaggi finalizzati all’approvazione del progetto da parte del commissario. Ed è proprio per dare il via al procedimento per il sì definitivo che è scattata anche la procedura per gli espropri. I Comuni coinvolti sono Noventa, San Donà, San Stino, Annone, Portogruaro, Fossalta di Portogruaro e Teglio Veneto, oltre ai trevigiani Salgareda, Cessalto e Motta di Livenza. Insieme con gli espropri, lungo il lotto bisognerà fare i conti con circa 280 interferenze, tra cavidotti, linee elettriche e sistemi idrici. L’ intervento a base d’asta previsto è di circa 650 milioni di euro, di cui circa 7,5 milioni per lo spostamento delle interferenze e 110 milioni per eseguire gli espropri. «La fase degli espropri è piuttosto lunga», viene spiegato, «perché prevede che dopo la pubblicazione gli espropriati possano andare a visionare il progetto per capire bene quali sono i pezzi soggetti a esproprio, quali i parametri sulla base dei quali viene effettuata la valutazione. La fase successiva è quella cosiddetta del contradditorio, durante la quale viene stabilita definitivamente l'indennità. Solo a quel punto i tecnici vanno a picchettare le porzioni di terreno espropriate». Per tutti gli espropriati la prima scadenza da segnare sul calendario è il 12 novembre, data entro cui i soggetti interessati possono formulare le osservazioni. Il progetto della terza corsia dell’A4 è suddiviso

in quattro lotti più un raccordo: oltre che tra Quarto d’Altino e San Donà, si sta lavorando già sul raccordo Villesse-Gorizia. Le altre tratte, in territorio friulano, sono ponte sul Tagliamento- Gonars e Gonars-Villesse.

Giovanni Monforte

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista