Quotidiani locali

Spunta Paglia per il dopo Scola

Il vescovo di Terni in corsa per diventare Patriarca Tra i candidati Francesco Moraglia e Giampaolo Crepaldi

C’è un nome nuovo nella corsa al «soglio» di Patriarca di Venezia, vacante ormai da un paio di mesi dopo la nomina di Angelo Scola ad Arcivescovo di Milano.

E’ quello - secondo quanto riferiscono il quotidiano “Il Foglio” e il sito di gossip “Dagospia” di Vincenzo Paglia, sessantaseienne vescovo di Terni, già assistente alla Comunità di Sant’Egidio e postulatore della causa di beatifiocazione del vescovo di San Salvador Oscar Romero, ucciso in chiesa per aver denunciato le violenze della dittatura nel suo Paese. La Comunità di Sant’Egidio - da cui proviene Andrea Riccardi, nuovo ministro della Cooperazione del Governo Monti - è segnalata in forte ascesa sul fronte ecclesiale e potrebbe perciò dire la sua in una partita complessa, con il dossier relativo a Venezia nelle mani del cardinale franco-canadese Marc Oulellet, molto vicino a Papa Benedetto XVI.

Ma la lista dei pretendenti al Patriarcato veneziano - per il quale si spera in una soluzione prima di Natale - è lunga e comprende anche il nome di Angelo Comastri, vescovo a Roma e arciprete di San Pietro, mentre resterebbe in pista anche il vesco di Trieste Giampaolo Crepaldi, che avrebbe il sostegno dell’episcopato troveneto, se si optasse per una scelta più vicina al territorio. Con lui, in alternativa, Andrea Bruno Mazzocca, arcivescovo di Udine, che sarebbe uscito da un giro di pareri effettuato tra i vescovi veneti come il presule che gode del maggiore gradimento. Ma in Segreteria di Stato - a quanto riferisce Il Foglio -sarebbe data come più spendibile l’ipotesi che prende il nome di Francesco Moraglia, 58 anni, di Genova, dal 2007 vescovo di La Spezia e presidente del Consiglio di amministrazione di Tv2000. Moraglia è presule di visione teologica liturgica in sintonia con Ratzinger. Scola ha retto la Curia veneziana per nove anni, dopo Marco Cè, oggi Patriarca emerito, andato a riposo per limiti di età.

Un vuoto non facile da colmare quello lasciato dall’attuale Arcivescovo milanese e anche per questo la nomina del suo successore tarda ad arrivare, vista anche l’importanza dell’incarico. Dalla Chiesa veneziana sono usciti nell’ultimo secolo, del resto, ben tre papi, prima patriarchi in laguna: il Cardinale Sarto, Papa Pio X, Angelo Roncalli, poi Giovanni XXIII e infine Albino Luciani che fu, sia per per brevissimo

tempo, Giovanni Paolo I. Si spera veramente che il successore di Scola possa arrivare in laguna prima della celebrazione del Natale, con la diocesi veneziana retta nel frattempo dal vescovo Beniamino Pizziol. (e.t.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' PER GLI SCRITTORI

Stampare un libro ecco come risparmiare