Quotidiani locali

Teatro Momo, la violenza contro le donne è un’arma a “Doppio taglio”

Andrà in scena mercoledì 15 novembre al teatro Momo di Mestre (in via Dante) lo spettacolo “Doppio taglio” che ha debuttato con successo al Teatro Franco Parenti di Milano con il patrocinio delle...

MESTRE. Andrà in scena mercoledì 15 novembre al teatro Momo di Mestre (in via Dante) lo spettacolo “Doppio taglio” che ha debuttato con successo al Teatro Franco Parenti di Milano con il patrocinio delle “Pari Opportunità Rai”.

La messa in scena teatrale con l’attrice Marina Senesi affronta con originalità e sensibilità la tematica – purtroppo sempre di attualità – della violenza contro le donne ma con sguardo trasversale.



Non è l’ennesimo il racconto della vittima, né quello di un testimone o tanto meno del carnefice, ma il “disvelamento” dei curiosi meccanismi comunicativi che agiscono, sottotraccia, fino a distorcere la nostra percezione del fatto, trasformando anche la più sincera condanna della violenza subita in un'arma, appunto, a “doppio taglio". Marina Senesi è un’attrice-autrice che si è sempre distinta per la capacità di fondere in un’unica cifra la forza dell’impengo e il gioco dell’ironia nell’affrontare tematiche sociali ed esistenziali di grande impatto emotivo.

Cristina Gamberi , invece, è ricercatrice e saggista; con il “Progetto Alice” ha inventato percorsi formativi utilizzati nelle scuole per la cosiddetta educazione “al genere”.

Dall’ incontro di Marina e Cristina è nata l’idea di riadattare per il palcoscenico una ricerca accademica, decostruendo l’impianto lessicale e iconografico degli articoli diffusi su stampa e web, allestendo così lo spettacol o”Doppio taglio”. Il tutto elaborato in una narrazione semplice ed immediata, capace di coinvolgere e sorprendere; con il contributo delle immagini che scorrono e con le voci fuori campo di Filippo Solibello e Marco Ardemagni, inconfondibili conduttori del programma mattutino cult: Caterpillar Am (Radio2 Rai), Le musiche originali sono di Tanita Tikaram. Da qualche anno Marina Senesi si dedica al teatro di narrazione e Docu/Teatro. Ha elaborato in collaborazione con la giornalista di Report Rai 3 Sabrina Giannini, il monologo “La Vacanza” sul caso di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin (Patrocinio Premio Ilaria Alpi. Premio Anacapri ). Il testo è stato rappresentato ogni anno nel mese di marzo fino al raggiungimento del ventennale dell’uccisione dei due giornalisti (2014). Per Zeling/Teatro, Marian Senesi ha firmato insieme a Giancarlo Bozzo la regia di “Hai da spegnere” di e con Maria Rossi, sul tema delle dipendenze. Per Europa Donna ha affrontato in teatro il tabù della malattia con: Se si può raccontare.

L'ingresso allo spettacolo è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.
 

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista