Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Tiramisù Cup: sul podio più dolce c’è la chioggiotta Valentina

Feltre e Chioggia capitali del Tiramisù: vince Andrea Ciccolella, medaglia d'argento per Valentina Sambo

VENEZIA. Feltre e Chioggia capitali del Tiramisù. Il migliore del mondo non è quello preparato seguendo i consigli della nonna, o della mamma, ma imparato grazie ai video di YouTube.

Andrea Ciccolella, 28 anni, di Feltre (Belluno) è un figlio dei suoi tempi ed è grazie ai social che ha assimilato i segreti per preparare la migliore crema al mascarpone e la giusta “bagna” dei savoiardi che lo hanno incoronato campione della prima Tiramisù World Cup, organizzata dalla Twissen.



La finale, tutta veneta, si è giocata domenica a Treviso, nel salone della Camera di Commercio, al termine di agguerrite selezioni e semifinali a cui hanno partecipato 720 concorrenti. Una sfida con due categorie: Tiramisù ricetta originale e ricetta creativa. Ha vinto quella originale, o “classica”, senza tanti voli di fantasia però straordinaria, secondo il verdetto della giuria. Ricetta che Andrea, impiegato alla Luxottica di Sedico, dice di avere imparato seguendo nel web le lezioni video del maestro Roberto Linguanotto, a cui si deve la fortunata vicenda del Tiramisù trevigiano, partita dal Ristorante Le Beccherie negli anni Settanta.

Al secondo posto si è piazzata Valentina Sambo di Sottomarina di Chioggia, felicissima del risultato raccolto (505 il punteggio assegnato dalla giuria), perché arrivare così in alto, sorpassando oltre settecento concorrenti, è già una enorme soddisfazione. Andrea il campione del mondo e Valentina, la sua vice, sono arrivati alla finalissima di Treviso superando entrambi le eliminatorie di sabato, ospitate a Villa Emo di Fanzolo, uno dei campi di gara scelti dalla Twissen.

Invece provenivano dalle selezioni svoltesi nella Tenuta Astoria di Refrontolo, nelle colline del prosecco, le autrici dei migliori Tiramisù creativi. Michela Masiero, impiegata di Rovigo, è salita sul terzo gradino del podio con 483 punti dati dalla giuria alla sua versione con i pistacchi siciliani, mentre ha puntato su amaretti e vaniglia la quarta classificata (e migliore trevigiana in gara) Monica Michielin di Vedelago, che ha cresciuto i tre figli a pane e tiramisù. I ragazzini hanno seguito mamma Monica in tutte la fasi della World Cup e fatto il tifo. Anche un quarto posto è motivo di orgoglio. Per lei 474 punti, ma nella semifinale tra i creativi è quella che ha raccolto il punteggio più alto. (c.sp.)