Quotidiani locali

Mestre, il macabro valzer di Jeffery Deaver 

Il talento è thriller al centro Candiani, venerdì 16 giugno

Venerdì 16 giugno  alle 21 al Centro culturale Candiani Jeffery Deaver, uno dei più grandi giallisti al mondo, presenta “Il valzer dell’impiccato”. Ex giornalista ed ex avvocato, nel 1990 ha abbandonato la carriera legale per dedicarsi alla scrittura a tempo pieno.

Scrittore di romanzi thriller, ha vinto per tre volte l’Ellery Queen Readers Award for Best Short Story of the Year; ha vinto, inoltre, il British Thumping Good Read Award ed è stato più volte finalista all’Edgar Award.

Il suo primo romanzo, un horror intitolato “Voodoo” è del 1988. I tre romanzi successivi, ambientati a New York, affrontano la struttura delle detective stories. Con i protagonisti dei suoi romanzi, Deaver crea dei perfetti thriller contemporanei, in cui la narrazione si svolge secondo il ritmo e la tensione tipici del linguaggio cinematografico.

Grande e prolifico autore internazionale di bestsellers, i suoi romanzi sono stati venduti in 150 paesi in tutto il mondo e tradotti in 25 lingue diverse.

Nato intorno a Chicago, nella città di Glen Ellyn, il 6 maggio 1950, suo padre ha lavorato principalmente come copywriter di annunci pubblicitari, mentre sua madre era casalinga. Deaver ha mosso i primi passi nella carriera giornalistica scrivendo per alcune riviste di sorta, quindi decidendo di iscriversi, al fine di ottenere le licenze necessarie a diventare un corrispondente legale per il New York Times o il Wall Street Journal, alla prestigiosa Fordham University di New York.

A partire dal 1990 ha cominciato a scrivere a tempo pieno. Nel 2008, il suo romanzo “I corpi lasciati indietro” è stato nominato Novel of the Year dalla International Thriller Writers Association. Jeffery Deaver ha inoltre raccolto il testimone di Sebastian Faulks entrando a far parte della schiera degli autori delle avventure dell’agente James Bond 007. È il secondo americano a cimentarsi nell’impresa dopo Raymond Benson.

Il romanzo è uscito in Italia il 25 maggio 2011, tre giorni prima

dell’anniversario della nascita di Ian Fleming, il 28 maggio 1908, con il titolo di Carta Bianca. È proprio grazie a questo che il 26 marzo 2012 vince il 2011 Bouken-shousetsu Adventure Fiction Award per il miglior romanzo straniero.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare