Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il Portogruaro punta sui giovani

«Vogliamo l’Eccellenza per festeggiare il centenario del 2019»

PORTOGRUARO. È iniziata la rivoluzione nel Portogruaro calcio: dopo l’insediamento della nuova proprietà (Chef Bertolini), sono giornate di superlavoro per il nuovo direttore sportivo Emanuele Nonis, chiamato a rifare oltre due terzi dell’organico. I due acquisti più recenti sono il difensore centrale Alessandro Battiston, classe 1980, vincitore dell’ultimo campionato d’Eccellenza friulana con la maglia del Chions, e Alessio D’Imporzano, classe 1983, centrocampista centrale, ultimo anno a P ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PORTOGRUARO. È iniziata la rivoluzione nel Portogruaro calcio: dopo l’insediamento della nuova proprietà (Chef Bertolini), sono giornate di superlavoro per il nuovo direttore sportivo Emanuele Nonis, chiamato a rifare oltre due terzi dell’organico. I due acquisti più recenti sono il difensore centrale Alessandro Battiston, classe 1980, vincitore dell’ultimo campionato d’Eccellenza friulana con la maglia del Chions, e Alessio D’Imporzano, classe 1983, centrocampista centrale, ultimo anno a Pramaggiore, ma con un passato anche nel calcio professionistico. La scorsa settimana erano già stati presentati il nuovo allenatore Giancarlo Maggio, già sulla panchina granata nelle prime sette giornate della scorsa stagione (poi si dimise); e Stefano Favret, un ritorno eccellente, già in granata dal 2004 al 2008 nel calcio professionistico, con un ruolo di capitano e uomo immagine del nuovo corso.

Eppure siamo solo all’inizio, spiega Nonis: «Nei prossimi giorni annunceremo altri quattro nuovi arrivi, inclusa la punta centrale, e ben sei giovani, due del ’98, due del ’99 e due del 2000. I ragazzi di qualità saranno il tratto saliente del Portogruaro, ci contiamo molto». Pochissimi i superstiti del Portogruaro dell’ex presidente Tarlà: il portiere Verri, il difensore D’Odorico, i centrocampisti Cervesato e Fiorin, l’attaccante Tonon e un altro paio di nomi in fase di valutazione. E sul settore giovanile e squadra femminile Emanuele Nonis dice: «In cima al settore giovanile è confermato Fausto Erbetti, che ha iniziato un lavoro notevole, da proseguire nelle prossime stagioni. Saremo attenti anche al Portogruaro femminile, che arriva da una promozione e ha dimostrato di fare passi da gigante in pochissimi anni dalla fondazione». Il campionato si concluderà nella primavera 2019, quando il Portogruaro calcio festeggerà 100 anni: la dirigenza vuole l’Eccellenza per celebrare il traguardo.

Gianluca Rossitto