Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Imoco San Donà, stop al tie-break

Le ragazze sconfitte a Jesi: martedì gara-3 decisiva a Noventa

JESI. Ancora un tie-break, ma stavolta ad avere la meglio è Jesi. L’Imoco San Donà non è riuscita nell’impresa, solo sfiorata, di espugnare il Pala Carbonari di Jesi. La gara-2 della semifinale playoff di B/2 femminile ha visto imporsi al tie-break le marchigiane, che pareggiano i conti dopo che San Donà si era imposta, sempre al quinto set, in gara-1. La serie si trascina alla “bella”: la decisiva gara tre si giocherà martedì, alle 20.30, a Noventa di Piave. A Jesi, sostenuta anche da un p ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

JESI. Ancora un tie-break, ma stavolta ad avere la meglio è Jesi. L’Imoco San Donà non è riuscita nell’impresa, solo sfiorata, di espugnare il Pala Carbonari di Jesi. La gara-2 della semifinale playoff di B/2 femminile ha visto imporsi al tie-break le marchigiane, che pareggiano i conti dopo che San Donà si era imposta, sempre al quinto set, in gara-1. La serie si trascina alla “bella”: la decisiva gara tre si giocherà martedì, alle 20.30, a Noventa di Piave. A Jesi, sostenuta anche da un piccolo drappello di tifosi dell’Imoco di A/1, San Donà ha dimostrato di potersela giocare contro le più esperte marchigiane, che hanno alzato il livello della prestazione rispetto a gara-1. San Donà ancora senza Pelloia e Leandri. Sestetto identico a quello di gara-1 e nel corso del match spazio anche per l’esordio in B/2 di Andreon. L’Imoco ha disputato uno straordinario primo set, poi nella parte centrale del match ha dovuto fare i conti con una fase di blackout. Ma le sandonatesi hanno saputo uscire dalle difficoltà, trovando nuove soluzioni di gioco. Sotto 4-8 nel quarto set, sono riuscite a ricucire lo strappo (14-16), per poi inserire la freccia (21-19) e andare a vincere, trascinando il match al tie-break. Dove qualche errore di troppo è costato il successo. (g.monf.)