Quotidiani locali

Verso Reyer-Trento, una sfida infinita

Basket Serie A. La semifinale playoff (gara-1 venerdì) è un “classico” del nostro campionato. E il replay della finale 2017

MESTRE. C’è sempre l’Aquila sulla strada della Reyer. Fin dall’inizio, fin dal giorno in cui la Reyer, già acquistata da Luigi Brugnaro in primavera, conquistò la promozione in Serie B d’Eccellenza il 9 giugno 2006. Qualche settimana dopo, a Ca’Farsetti, il sindaco Cacciari avrebbe “benedetto” l’avvento del patròn di Umana, che già sponsorizzava la squadra femminile, a proprietario dei due club. Quel 9 giugno Guerrasio e compagni superarono la Bitumcalor Trento al Taliercio (71-64) nella quinta gara della finale playoff di B/2, e sulla panchina bianconera sedeva già Maurizio Buscaglia, il tecnico che a due riprese ha guidato anche i Bears Mestre. Marini (26 punti) fu il match-winner di quella serata, una serie sofferta, terminata 3-2 dopo che la Reyer si ritrovò spalle al muro (1-2) dopo la terza partita in Trentino, ma quel giorno inizio la scalata della “nuova” Reyer verso i vertici della Serie A. Buscaglia e il Taliercio, la Reyer e Trento, un filo invisibile lega le due società: Venezia è risalita in Serie A nel 2011, l’Aquila nel 2014, sono gli unici due club insieme a Milano ad aver sempre centrato la post season nelle ultime quattro stagioni, segno di continuità nel lavoro e programmazione oculata. In regular season otto precedenti, Reyer in vantaggio (6-2) con tre successi in quattro gare all’ex PalaTrento, diventato a inizio stagione BLM Group Arena. Ma la storia è soprattutto la finale tricolore della passata stagione, sei partite ad alta tensione, tra il 10 e il 20 giugno. Tanti giocatori rivedranno nella memoria le immagini di quelle gare (Haynes, Peric, Bramos, Tonut e Ress da una parte, Sutton, Forray, Flaccadori, Gomes, Hogue, Lechthaler e Shields dall’altra). Fattore campo saltato in tre gare su sei: blitz di Trento (83-74) in gara-1, replica della Reyer (73-67) in gara-3, poi l’apoteosi tricolore in gara-6 (81-78) il 20 giugno 2017. Trento imprecò sull’infortunio di Sutton nel corso della serie, ma con un Sutton ai minimi termini (10’in campo) la Dolomiti Energia travolse la Reyer (78-56) in gara-4. L’emblema della finale

rimarrà sempre Michael Bramos, autore della tripla vincente (65-63) nella quinta gara al Taliercio quando mancavano solo 6”91 sul tabellone. Da venerdì, la storia infinita tra Venezia e Trento aggiungerà un altro capitolo con la semifinale 2017-2018.

Michele Contessa

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro