Quotidiani locali

La Reyer vince (+8) anche ad Avellino Fiba Cup vicinissima

Basket. Trionfo nell’andata della finale tutta italiana Mercoledì 2 maggio (20.30) la sfida decisiva al Taliercio

AVELLINO. La Reyer sbanca Avellino (69-77) e compie un balzo verso la Fiba Europe Cup. Partita difensiva al limite della perfezione, inaridendo la classe di Rich e annebbiando Leunen, regista aggiunto di Sacripanti. L’atmosfera “italiana” riporta al successo la Reyer in trasferta in Europa, dopo otto sconfitte di fila tra Champions League e Fiba Europe Cup. De Raffaele dà scacco matto ancora una volta a Sacripanti, vincere al PalaDelMauro non è mai facile con l’aggiunta di un gruzzolo di 8 punti. De Raffaele parte con Haynes, Tonut, Cerella, Daye e Watt, Sacripanti risponde con Fitipaldo, Rich, Wells, Leunen e Fesenko. Il centro ucraino è un fattore dominante in avvio di partita, tra schiacciate e stoppate, mentre Tonut va sulle tracce di Rich. Già 7-7 al 2’, Fesenko e Wells spingono avanti la Sidigas (11-7), ma la Reyer replica colpo su colpo e sorpassa con Tonut (12-13). Finché rimane in campo Fesenko, Avellino sta avanti (16-15), quando il centro esce, il gioco degli irpini si inaridisce e sale in cattedra Watt (16-19). La tripla di Bramos spinge Venezia a +5 (20-25), Filloy e Rich impattano (25-25). Percentuali pazzesche: Avellino 9/9 da 2 punti, Venezia 7/9. Il secondo quarto si apre con la tripla di De Nicolao (25-28), buon impatto anche di Johnson e Peric (29-35). La Reyer prende la partita in mano, Fesenko (15 punti, 7/7 al tiro), è però incontenibile (33-35), sul fronte opposto la classe cristallina di Austin Daye fa la differenza (35-40), poi dall’angolo, in transizione, è Cerella a firmare il +8 (35-43), segna Scrubb, ma Daye (12 punti) colpisce ancora dall’arco (38-48), ma come a Sassari commette l’ingenuità di farsi fischiare tecnico. Il quarto si chiude con l’1/2 di Wells (40-48). La Sidigas alza il livello della difesa, Daye è sempre reattivo (42-50), ma incappa nel quarto fallo. Avellino si appoggia su Fesenko, ma vive il periodo migliore sulle fiammate di Wells (52-54). Sidigas mai così vicina, ma la Reyer ha carattere: incursione di Biligha e tripla di Johnson (52-59), essenziale, Avellino più lontana, che si ritrova dietro di 8 lunghezze (55-63) alla terza sirena. Rich prova a districarsi dalle trappole difensive di De Raffaele, inutilmente. Leunen replica a Biligha, ma poi Cerella martella dal perimetro (59-68), oltre a sacrificarsi in difesa su Leunen. Il quintetto “bassotto” della Reyer produce difesa e punti (61-72), poi la Sidigas ha la fiammata di Rich (64-72), dopo che Haynes

ha fallito la tripla del +14, imitato da Wells (67-72) a 3’22” dalla fine. Si aspetta l’arrembaggio finale di Avellino, invece la Reyer pesca il piazzato di Watt e il “siluro” di Jenkins (67-77) a 2’14” dalla fine. Squadre votate allo scarto, unico canestro di Fesenko. (m.c.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori