Quotidiani locali

Serie C. Mestre a riposo, Zironelli soddisfatto

MESTRE. Mentre i tifosi sperano osservando una foto che gira sui social in cui il presidente Stefano Serena osserva uno dei tanti progetti pervenuti per la costruzione della cittadella dello sport in...

MESTRE. Mentre i tifosi sperano osservando una foto che gira sui social in cui il presidente Stefano Serena osserva uno dei tanti progetti pervenuti per la costruzione della cittadella dello sport in cui (il condizionale è d’obbligo) potrebbe sorgere anche il nuovo stadio del Mestre, la squadra si prepara agli ultimi due incontri di fine campionato approfittando anche della pausa imposta domenica dal calendario. Per quanto riguarda lo stadio bocche cucite. Il presidente sta facendo le sue valutazioni ma non si sbilancia anche perché, «un conto è un progetto e un conto è realizzarlo», come dire che “tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare”, ossia i soldi per costruirlo.

Intanto Zironelli ha svuotato l’infermeria e dall’alto del quarto posto vista playoff recupera Neto che era ormai fuori da due partite per un problema alla caviglia e Spagnoli che si è ripreso da una leggera botta rimediata contro il Fano. Quindi formazione al completo - anche se manca più di una settimana - contro Santarcangelo e Sudtirol con la possibilità anche di dare spazio e vetrina a chi, durante il campionato ha giocato un po’ meno. «È stata una settimana di lavoro fatto bene e intensamente» spiega Zironelli «e non poteva arrivare in un momento migliore. Stiamo bene fisicamente ma avevamo bisogno di recuperare energie in vista delle ultime gare dove affronteremo squadre che hanno obiettivi diversi, salvarsi e cercare un posto ai playoff più alto possibile. Vogliamo vincerle entrambe ma voglio dare spazio a tutti». Infine un accenno al futuro. «Con la società stiamo già lavorando per

il programma dell’anno prossimo anche valutando in giro nuovi promettenti ragazzi. Abbiamo compiuto un bel miracolo e adesso cercheremo di dare il massimo per passare più turni possibili anche perché il gruppo ha ancora voglia di giocare assieme».

Gian Nicola Pittalis

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori