Quotidiani locali

basket serie A 

Bramos carico «Super difesa per arginare il Groningen»

MESTRE. Ci sarà anche Michael Bramos sul volo che nel pomeriggio raggiungerà Amsterdam, da Bologna, per poi proseguire in autobus per Groningen, dove domani (ore 19.30) la Reyer andrà a caccia della...

MESTRE. Ci sarà anche Michael Bramos sul volo che nel pomeriggio raggiungerà Amsterdam, da Bologna, per poi proseguire in autobus per Groningen, dove domani (ore 19.30) la Reyer andrà a caccia della finale di Fiba Europe Cup contro il Donar. «Non posso essere al top della condizione» avverte Michael Bramos, «ma sono contento di essere finalmente rientrato e di poter dare il mio contributo. Non sono abituato a stare fuori per infortunio, questa è una stagione anomala per me, visto che nelle due precedenti con la maglia della Reyer non ho avuto alcun tipo di problema fisico giocando sempre». Bramos era stato costretto a fermarsi anche a dicembre dopo l’infortunio muscolare di Avellino, in quel caso, al rientro, sembrava che non fosse mai uscito di squadra.

La Reyer è ad un passo da una storica finale di Fiba Europe Cup, a distanza di 37 anni dalla sfida di Coppa Korac a Barcellona contro la Juventud Badalona, che bisserebbe la Final Four di Champions League a Tenerife di un anno fa. «Sarà fondamentale difendere molto bene lungo il perimetro» aggiunge Bramos, «Groningen ha tanti tiratori micidiali dalla lunga distanza, come ha già dimostrato anche al Taliercio. Una squadra molto solida, dovremo evitare di concedere quattro-cinque canestri consecutivi agli olandesi per non farli esaltare. Troveremo un palasport molto caldo, il Donar ha sempre imposto alle avversarie il fattore campo. Per gli olandesi è forse la partita più importante dell’anno». Stasera si conoscerà il nome della prima finalista tra Bakken Bears Aarhus e Scandone Avellino con gli irpini che difendono soltanto tre punti di margine in Danimarca.

«L’errore più madornale che potremmo compiere è pensare ai 10 punti di vantaggio. Dovremo giocare ogni possesso come se fosse

quello decisivo, dobbiamo innanzitutto giocare la partita per provare a vincerla, come la Reyer ha fatto nei quarti di finale in Russia. Solo alla fine, dovesse accadere, inizieremo a pensare anche allo scarto» conclude Bramos, «prima no, sarebbe un gravissimo errore». (m.c.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori