Quotidiani locali

Falzerano: «Abbiamo regalato tre gol»

Il rammarico di Pinato. E Modolo ammette: «Sconfitti dalla squadra più forte» 

EMPOLI. Un brutto tempo, una ripresa migliore non è servita al Venezia per portar via un punto da Empoli, più che mai capolista solitaria della B. Ma la corsa ai playoff è più che mai aperta. «Sapevamo bene il loro valore» dice Marcello Falzerano, autore del momentaneo 1-1 «con giocatori fisicamente prestanti, ma bravi anche con la palla tra i piedi. Abbiamo concesso loro troppo possesso palla, ma hanno segnato su tre nostri regali. Dobbiamo ripartire dalla reazione del secondo tempo; è un periodo dove pure giochiamo bene, creiamo occasioni e arriviamo davanti alla porta. Dobbiamo andare avanti in questo modo, già a partire dalla gara di domenica prossima contro il Cittadella».

Si sapeva della forza dei toscani, soprattutto in avanti e la difesa ha sofferto molto, specie nel primo tempo. «Sull’1-0 abbiamo sbagliato», spiega Marco Modolo, «ma davanti avevamo la squadra più forte del campionato; hanno un ottimo palleggio, giocano bene tra le linee e ripartono alla grande». Nel secondo tempo il Venezia ha rimontato due volte e c’era la speranza di portare a casa un risultato positivo.

«Sapevamo non avrebbero potuto reggere quei ritmi sino alla fine», continua il centrale «ma è altrettanto vero che il secondo e terzo gol si potevano evitare». Anche a centrocampo si è sofferto la qualità dell’Empoli; Marco Pinato è uscito alla distanza, trovandosi meglio nei secondi 45 minuti e poi quando è stato spostato a fare il terzino sinistro. «Quando vai in svantaggio dopo pochi minuti», dice, «c’è il rischio di farti perdere la fiducia. Non sempre capita di prendere un gol da 25 metri da un centrale che la mette all’incrocio e anche sugli altri due potevamo fare meglio. Nel secondo tempo c’è stata una reazione importante».

Il trittico Empoli, Cittadella e Frosinone non si è aperto nel migliore dei modi, ma Pinato non

perde la fiducia e nel derby della prossima settimana vuole ripartire proprio dalla seconda parte della gara del “Castellani”. «È una fase del campionato molto stimolante», prosegue il centrocampista, «e con il Cittadella sarà una bella partita».

Alessandro Ragazzo

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik