Quotidiani locali

dall’archivio 

Recoba doppietta e cinquina indigesta

Tredici confronti al “Castellani” sempre ricchi di gol ed emozioni

MESTRE. Venezia a Empoli dopo 13 anni, e l’ultimo viaggio, in Serie B, lasciò il segno: il 6 marzo 2005 i toscani infilarono cinque reti nella porta arancioneroverde. Una partita scoppiettante con il doppio vantaggio toscano con Almiron (17’) e Bonetto (28’), il pareggio-sprint nell’arco di un minuto ad opera di Anderson (34’) e Massimiliano Esposito (35’), poi l’autorete di Turato (39’) prima che terminasse il primo tempo. Nella ripresa Moro (16’) e Saudati (30’) trafissero altre due volte il portiere ceco Lejsal. Sono tredici i precedenti del Venezia al “Castellani”, undici in campionato e due in Coppa Italia con 5 vittorie dell’Empoli e tre degli arancioneroverdi, 40 reti realizzate (22-18). Nelle ultime sei sfide 25 gol realizzati (14 l’Empoli, 11 il Venezia), la squadra di Cesare Prandelli si impose (3-2) il 21 gennaio 2001, ultima giornata d’andata: match aperto da Valtolina (4’), pareggio di Maccarone (28’) e poi Venezia nuovamente avanti con Pavan (42’). Nel secondo tempo l’Empoli riacciuffò il pari con Iacopino (21’), cinque minuti dopo Marasco (26’) trovò il gol da tre punti. Rocambolesca la sfida in Serie A (9 maggio 99) con Taibi battuto prima dalla zuccata in tuffo Zalayeta (9’) e poi dal pallonetto di Tonetto (26’), Venezia salvato da Recoba, al 28’ su punizione e al 50’ della ripresa su rigore. Un pari che spalancò le porte della salvezza al Venezia, ratificata sette

giorni dopo dalla vittoria al Penzo sull’Inter. Gol a raffica anche il 24 novembre 1996, in Serie B, 3-2 per l’Empoli: Venezia due volte in vantaggio con Baldi (7’) e Bellucci (34’) e due volte ripreso da Carmine Esposito (9’ e 40’), zampata allo scadere di Bertarelli. (m.c.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik