Quotidiani locali

basket

La Reyer domina: Torino ko e  quinta vittoria di fila

Una prova da capolista. Il duo De Nicolao-Jenkins sforna punti (28) e assist (8)  

TORINO. Vittoria da capolista, vittoria di squadra, e primo posto consolidato, sempre a braccetto con Milano che ha espugnato il PalaDozza di Bologna. Dopo aver chinato il capo contro la Fiat sia al Taliercio sia a Firenze in Coppa Italia, la Reyer cloroformizza Torino, dominando il match ben oltre gli 8 punti (90-82) di scarto finale.

Quinta vittoria consecutiva per la truppa di De Raffaele, la nona nelle ultime 10 gare in campionato, ma è anche il quinto successo di fila in trasferta (Capo d’Orlando, Milano, Trento, Cremona e Torino). Vittoria di squadra, sei uomini in doppia cifra, il tandem De Nicolao-Jenkins a sforna punti (28) e assist (8), tanti protagonisti nei vari spezzoni di match con coach Galbiati che incassa la prima sconfitta dopo 5 vittorie di fila da head-coach. De Raffaele punta ancora su Jenkins e l’americano ripaga sfornando 5 assist nel primo quarto. Firenze è dimenticata, approccio perfetto della Reyer, aggressiva in difesa, per nulla intimorita a pareggiare i ritmi elevati dei padroni di casa. Il 7-4 della Fiat è un’illusione effimera per i vincitori della Coppa Italia, Daye infila 6 punti e firma il sorpasso (7-8), la tripla di Boungou Colo riporta l’equilibrio (10-10), ma i tricolori smorzano gli ardori offensivi della Fiat, attaccando il ferro sabaudo (22/34 alla fine) con Watt e Daye, poi è Haynes a timbrare la tripla del primo strappo (10-18). Galbiati prova la carta Vujacic, ma l’ex granata non riesce a ripetere la prestazione offerta una settimana fa con Capo d’Orlando.

Torino soffre l’aggressività della Reyer e nel finale del quarto sale in cattedra De Nicolao (19-26), sempre più sicuro nelle ultime uscite. La prima sospensione “ghiaccia” ulteriormente la squadra di Galbiati, la Reyer gira palla e colpisce con facilità: De Nicolao apre e chiude il 10-0 in avvio di quarto che spedisce Torino a -17 (19-36). Reyer micidiale dalla media distanza (11/15), nemmeno l’ingresso di Pelle, ex Varese, fa girare l’inerzia del match. Altri cinque punti di fila di Jenkins e Reyer sul +20 (21-41) con 4’38” da giocare. La magata di Garrett, palla sulla schiena di Haynes e canestro su rimessa (23-41), spezza l’allungo granata, poi Washington manda in visibilio il PalaRuffini con una schiacciata galattica (25-43). Spettacolo, è vero, ma Torino è ancora molto distante. De Raffaele intuisce i rischi e chiama due time-out quasi consecutivi per smorzare l’elettricità innescata da Poeta. Venezia torna a difendere e va all’intervallo lungo sul +17 (27-44).

Washington prova a riportare a galla la Fiat, Watt e Daye non ci stanno (30-50). Scintille tra Vujacic e Watt sotto il canestro piemontese: doppio tecnico. Torino migliora le percentuali, ma la Reyer ribatte colpo su colpo (36-56). Venezia va in bonus troppo presto e la Fiat coltiva l’illusione della rimonta con tanti tiri liberi (29) conquistati (48-61), ma la tripla di Peric e il contropiede di Bramos arrestano la risalita gialloblu (50-68). Si riparte sul +15 (55-70), e la Reyer si ripresenta con la doppia tripla di Jenkins e De Nicolao (57-76), innescati fronte canestro da Peric.

Garrett (25 punti) non molla, ma a 5’40” dalla fine i tricolori hanno ancora una dote di 20 punti (63-83). Negli ultimi 3’ la Reyer inizia a giocare con il cronometro, perde qualche pallone di troppo e la Fiat rende meno pesante la sconfitta. (m.c.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro