Quotidiani locali

“La boxe nelle scuole” idea vincente

Pugilato. Il bilancio dell’iniziativa di Cazzagon (Fpi), in aumento club e praticanti

MIRA. Si è concluso il progetto “La boxe, nobile arte, entra nelle scuole” ideato da Luigino Cazzagon, consigliere regionale della federazione pugilistica italiana e delegato provinciale della federazione stessa presso il Coni. Cazzagon negli ultimi mesi ha visitato otto scuole a Mestre, Spinea, Camponogara, Campagna Lupia, Bojon e Campolongo. «Il progetto, oltre a far conoscere ai giovani il valore dello sport» spiega Cazzagon, «vuole convincerli a frequentare le palestre per allontanarli dai pericoli. Nei miei interventi sottolineo come lo sport è importante per la crescita fisica, psicologica ed educativa del ragazzo, aiutandolo oltre a migliorare la concentrazione e la resa scolastica, anche a superare i momenti difficili». Tutto nacque nel 2004 quando Luigino Cazzagon autonomamente, in qualità di delegato provinciale della federazione pugilistica italiana, iniziò ad andare a parlare di boxe nelle scuole assieme all'amico Francesco De Piccoli. Nel 2012 è poi nato ufficialmente il “Progetto Scuole” che ha visto coinvolti anche i maestri e gli atleti dei team affiliati alla Fpi. «Dal 2012 ho visitato una sessantina di scuole medie e superiori del Veneto», prosegue Cazzagon, «da allora ad oggi in Veneto le società di boxe sono cresciute da 33 a 50, anche per merito di questo progetto. I ragazzi, dai 13 ai 18 anni, che frequentano le palestre sono triplicati. Il progetto sarà ripetuto in altre scuole della provincia di Venezia e del Veneto».

Grazie

a questo progetto e alla sua lunga carriera di dirigente sportivo, ben 54 anni, nelle bocce, ciclismo e pugilato, Cazzagon è stato recentemente insignito della Stella d'Argento al merito sportivo dal Coni nazionale, e premiato dal presidente Malagò.

Giacomo Piran

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro