Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Real Martellago, una dura lezione

Il Sedico ha una marcia in più e rifila tre schiaffoni agli avversari mai in partita

SEDICO. Tre vittorie consecutive, altri tre gol fatti e altri tre punti in cascina. Zero gol subiti e cinque reti segnate da Radrezza sotto la gestione Bianchini. Sono molte le cifre che fotografano l’ultimo scorcio di stagione del San Giorgio Sedico che, ieri pomeriggio a Ricolt, ha battuto con un netto e meritato 3-0 il Real Martellago, tornando così ad affacciarsi in zona playoff. Nel San Giorgio Sedico mister Bianchini lascia in panchina Pilotti (a Radrezza i gradi di capitano) e schiera dal primo minuto Savi. I fuoriquota sono Scaranto, Gasparin (preferito a Vallata) e Doriguzzi.

La prima occasione coincide con il gol del vantaggio biancorossoceleste. È il 22’, infatti, quando Radrezza prende palla sulla sinistra e verticalizza al limite dell’area per Savi: quest’ultimo è limitato da un difensore, ma sul pallone si avventa ancora Radrezza, stavolta sul fronte destro dell’area di rigore, che con un tiro dritto per dritto insacca alle spalle di Bacco. Passano cinque minuti e ancora Radrezza va a segno, per il 2-0 che mette la partita su binari decisamente favorevoli ai padroni di casa: Marcolin mette a terra un bel pallone e lo serve in profondità per Radrezza, che si infila tra i difensori centrali, scattando sulla linea del fuorigioco, si fa trovare solo davanti al portiere e lo fredda con un diagonale.

Il Real Martellago conclude per la prima volta verso la porta di Scaranto al 34’, con un destro potente ma impreciso di Carbonetti che finisce lontano dal palo. Sul fronte opposto, 4’ più tardi, una punizione da posizione molto angolata viene calciata direttamente in porta da Radrezza: il portiere respinge a pugni uniti sul primo palo e manda il pallone in corner. Sull’azione che si sviluppa dalla bandierina, Marcolin viene ammonito per una simulazione all’interno dell’area.

In avvio di ripresa Boccato calcia centrale dal limite: Scaranto trattiene senza difficoltà. Al 27’ Conte ci prova direttamente su calcio d’angolo, ma Scaranto respinge ancora evitando la beffa. Ma il San Giorgio Sedico chiude i conti al 34’ con Marta Bettina che scatta sulla linea dei difensori raccogliendo un lungo lancio da centrocampo, vede il portiere a metà strada e lo scavalca con un pallonetto preciso e imparabile. Nel finale Scaranto devia sul fondo un tiro dalla distanza di Carbonetti e si oppone in due tempi a una punizione di Conte