Quotidiani locali

La Calvi colleziona un’altra amara sconfitta

Il Legnago ha una marcia in più, secondo stop consecutivo. Noalesi sempre in fondo alla classifica

NOALE. Sembra finito l’effetto positivo della cura Pianu. Dopo il pareggio di Montebelluna e la vittoria con la ex capolista Virtus Vecomp, arriva la seconda sconfitta consecutiva, prima ad Abano e adesso in casa con il Legnago Salus per 2-1. Ko immeritato ma che comunque lascia l’undici noalese in fondo alla classifica, al penultimo posto davanti solo all’Abano, distanziato di una lunghezza. Eppure dopo un primo tempo giocato a basso ritmo da entrambe le contendenti, nel secondo parziale la Calvi aveva avuto il merito di passare in vantaggio con il rigore di Franciosi, ma, nel momento forse migliore della squadra di Pianu, anche il demerito di incassare due reti in poco più di sette minuti e di non riuscire a recuperare. Prestazione opaca nei 45’iniziali con le uniche occasioni sui piedi di Fortin e compagni. Al 1’Franciosi dalla sinistra converge e prova il destro, fuori di un soffio. Al 23’ci prova Zanetti dalla distanza, centrale per Cuoco. Al 37’dalla sinistra Franciosi in mezzo per la testa di Tonani, perfetta la scelta di tempo, Cuoco si trova la sfera tra le braccia senza accorgersene. Nel secondo tempo scende in campo un altro Noale e già al 4’Tonani conclude, Cuoco in tuffo neutralizza. Al 6’Franciosi trova il varco giusto per l’assist a Baldrocco, accelerazione e ingresso in area con la punta casalinga che viene atterrata alle spalle. Rigore ineccepibile che Franciosi realizza. Sulle ali dell’entusiasmo al 7’Gentina sulla destra va sul fondo, palla sul secondo palo, Fiorica ci prova ma il tiro sorvola il sette di un nulla. È la Calvi che sta facendo la partita e al 16’Taddia recupera palla, percussione centrale, ma conclusione debole. Al 20’il neo entrato Conti prova per vie centrali, tacco per Franciosi al limite, tiro a giro che sfiora l’incrocio alla sinistra di Cuoco. Inaspettato invece arriva al 26’il pareggio ospite che piega le ginocchia alla Calvi. Al limite dell’area c’è un presunto fallo su Bandiera, l’arbitro sorvola, l’azione prosegue e il Zanetti veronese, punta esperta che ha sostituito il centravanti argentino Peinado, trova il varco giusto per l’1-1. Il Noale sbanda e cade al 33’. Un altro innesto del Legnago, Bodini, va via sulla destra e mette in mezzo dove è libero Vita che al volo in scivolata

beffa Fortin per il raddoppio. Lo stesso Fortin nel concitato finale chiude per ben due volte lo specchio ai contropiedi di Zanetti e Vita, poi nel recupero il giovane Zender rischia il meritato pari, ma il suo colpo di testa esce di un nulla.

Alessandro Torre

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon