Quotidiani locali

Autocritica Inzaghi : «Mi assumo tutte le colpe»

Il tecnico sconcertato: «Forse ho sbagliato qualcosa durante la sosta. Primo tempo inspiegabile»

SALERNO. Il Venezia d’inizio 2018 è brutto, quasi da non crederci rispetto ad altre prestazioni viste pure lontano dal “Penzo”. E il tecnico Filippo Inzaghi non fa mistero, puntando il dito proprio sull’approccio alla gara, che ha finito per compromettere il risultato finale. «Sono arrabbiato per quanto avvenuto nei primi 45 minuti», dice, «mentre nella ripresa siamo stati la solita squadra, quella vista nei mesi precedenti. Peccato per l’occasione finale con Zigoni, avremmo potuto pareggiare; ci sarà da capire, da ragionare, potrebbe anche essere che abbia sbagliato qualcosa durante la sosta non essendo riusciti a ripartire bene».

E, infatti, Inzaghi guarda proprio a questo aspetto, a una squadra che nelle recenti settimane ha perso la confidenza con i tre punti: gli ultimi sono arrivati il 12 novembre in casa con il Perugia. Da lì, solo pareggi e sconfitte, oltre alla beffa di Foggia con il doppio vantaggio a pochi minuti dalla fine e finita con un pareggio inaspettato. «Dovremmo analizzare cosa non va», continua l’allenatore del Venezia, «anche se credo che non abbiamo preso sottogamba l’impegno di Salerno. Il primo tempo non è commentabile, non siamo proprio scesi in campo, poi ci abbiamo messo uno spirito diverso e si è visto, perché avremmo potuto recuperare. Modolo è uscito perché me lo ha chiesto, ma in quel momento avrei fatto il cambio. Il mercato? Se ne sta occupando la società».

La piega presa nel primo tempo è nata da quel gol arrivato a freddo; anche il tecnico piacentino si attendeva un’altra risposta dopo oltre 20 giorni di pausa e un atteggiamento diverso nell’iniziare il girone di ritorno. «Sulla rete di Zito», continua Inzaghi, «la palla era nostra e da lì è arrivata una disattenzione. Ma, ripeto, tutto il primo tempo è stato negativo, poi è andata meglio e avremmo potuto raddrizzare il punteggio». Se c’è un Venezia ora fuori dai playoff e un momento dove tutto diventa più difficile, Inzaghi non drammatizza e guarda a una classifica comunque positiva e una salvezza che,
al momento, sarebbe largamente raggiunta.

«Dobbiamo solo stare sereni e tranquilli», continua, «perché la posizione è buona e abbiamo un certo margine sulla zona playout. Dobbiamo capire bene», conclude Pippo, «cos’è successo e subito ripartire».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori