Quotidiani locali

Reyer, stavolta la rimonta non riesce

Basket Champions League. Biligha e soci sconfitti (67-70) a Strasburgo, giochi ancora apertissimi per la qualificazione

STRASBURGO. Reyer vicina al blitz a Strasburgo, Bramos e Tonut guidano Venezia a una rimonta fantastica, ma l’ultimo tiro di Johnson, quello dell’overtime, si infrange sul ferro. L’avvio della Reyer assomiglia a quello del Forum: 7-0 per Strasburgo e time-out di De Raffaele. In Alsazia, però, la reazione, non c’è: Ress sblocca in attacco i granata, ma i francesi insistono (11-2). Ci prova anche Haynes (11-4), ma le palle perse non si contano. De Raffaele mescola le carte, dentro Biligha e Johnson per Watt e Tonut, secondo time-out, niente da fare: 17-4. Haynes dall’arco e Bramos, partito in quintetto base, provano a scuotere la Reyer (17-9). La furia dei transalpini cala, la Reyer si riassesta, Bramos e Cerella colpiscono dall’arco, Venezia risale la china (23-15), poi è De Nicolao a sfidare Labeyrie e timbrare il -6 (23-17). Svantaggio accettabile, dopo l’avvio-incubo. Strasburgo commette il primo fallo dopo 9’41” nel primo quarto, nel secondo va in bonus dopo solo 2’48” con la Reyer che attacca di più il ferro. Johnson segna dall’arco (25-20), poi va a stoppare Bost, innesca il contropiede chiuso dalla tripla di De Nicolao (25-23), su assist di Cerella. Si viaggia a mille all’ora, tanti gli errori, ma arriva anche il pareggio di Bramos (25-25). Watt si fa vedere poco in attacco, Strasburgo torna avanti (29-25) e De Raffaele mette Biligha accanto al centro ex casertano, ma l’attacco della Reyer si spegne nuovamente con Strasburgo a +6 (33-27). Venezia si ricompatta dopo il time-out di De Raffaele: Peric segna il suo primo canestro, Biligha conquista palla e liberi, poi ancora Peric da “rimorchio” (33-32). Il croato fa collezione di liberi (6) nella parte finale del tempo e chiude con un gran colpo al naso, da sospetta frattura.

La Reyer mette la testa avanti con Peric (38-37), ma è una fiammata perché Watt non tiene Bilan e Strasburgo piazza un minibreak di 8-0 (40-46), approfittando anche dell’antisportivo a Bramos, costringendo De Raffaele al time-out. Si riparte, però, con la palla persa da Johnson e il contropiede di Logan. Venezia che soffre Bilan, troppo (42-51), Strasburgo viaggia a velocità doppia (44-54). Si accende il match, antisportivo a Bost (46-54), la Reyer segna solo otto punti nella frazione, i 7 di ritardo sono accettabili (48-55).

I francesi pigiano sull’acceleratore nel quarto periodo (48-60), Strasburgo più reattivo, le tossine di Milano si fanno sentire nei giocatori di De Raffaele. Bagarre in campo, Strasburgo sbaglia due contropiedi, la Reyer lotta,
Bramos e Tonut riaccendono Venezia (64-69). I francesi pensano tropo a rovesciare lo strappo, la Reyer si riavvicina. Tonut è scatenato, tripla (67-69) a 34” dalla fine. Wright segna un libero (67-70), occasione d'oro per la Reyer, ma la tripla di Johnson va sul ferro. (m.c.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon