Quotidiani locali

IL DOPOGARA 

Il tecnico sorride «Tre punti vitali il nuovo modulo ci ha dato molto»

PORTOGRUARO. Finalmente Zironelli esce sorridente dagli spogliatoi e si vede che lo spirito è completamente diverso. «Un bel sospiro di sollievo. Ci volevano questi 3 punti perché i ragazzi hanno...

PORTOGRUARO. Finalmente Zironelli esce sorridente dagli spogliatoi e si vede che lo spirito è completamente diverso. «Un bel sospiro di sollievo. Ci volevano questi 3 punti perché i ragazzi hanno dato tutto. Abbiamo cambiato modulo, ripreso con le tre punte e i ragazzi si sono adattati subito. Bravo anche Casarotto a giocare da mediano che non è il suo ruolo. Ha spinto, coperto, dato ottimi palloni e provato il tiro. È stata un’annata spettacolare e siamo stati interpreti della nostra forza e del gruppo e abbiamo meritato la vittoria che poteva anche essere più larga. E pensare che tre sconfitte di fila non le avevo mai subite. Ma la voglia non è mai mancata e quando giochiamo così è dura per tutti. Gli attaccanti sono stati splendidi e Dario si è anche sbloccato ora che ha recuperato del tutto dalla pubalgia. Complimenti anche all’Albinoleffe che comunque ha giocato tutta la partita a viso aperto fino alla fine. Ha un ottimo organico e un ottimo allenatore. Se voglio fare una dedica speciale stavolta scelgo di dedicare questa giornata a Casarotto che ha dimostrato quantità e qualità e rappresenta un po’ tutta la squadra. Gioca da professionista dopo aver fatto tutta la trafila in arancionero. Ha ancora margini di crescita ma è un ragazzo umile che si impegna al massimo. La compattezza del gruppo è stata la nostra forza. Poi quando passando al 3-4-3 siamo stati più fluidi e veloci e siamo tornati a tirare in porta con la media che ci contraddistingue». Di tutt’altro umore mister Alvini. «Una sconfitta che chiude male un 2017 assolutamente positivo per questa squadra. Dispiace perché non è stata una bellissima partita e forse il pari sarebbe stato più giusto ma onore al Mestre che è la nostra bestia nera. Abbiamo avuto palle importanti in una partita aperta e preso anche un palo. Non usciamo con una prestazione negativa perché ci abbiamo provato
fino all’ultimo. Complimenti al Mestre ma adesso dovremo lavorare per il 2018 per riprenderci dagli ultimi risultati che ci hanno rallentato. Questa sconfitta non ci voleva ma ringrazio i miei giocatori e vogliamo mantenere l’obiettivo: bissare quanto fatto l’anno scorso». (g.n.p.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik