Quotidiani locali

Vai alla pagina su Venezia Calcio
 “Forza Venezia”, da Toronto al Penzo

Venezia Calcio

il tifo senza confini 

“Forza Venezia”, da Toronto al Penzo

L’altra sera allo stadio i rappresentanti del club sorto in Canada

VENEZIA. Dall’Ontario all’Alberta e fino al Quebeq, nello sterminato Canada battono i cuori di una quindicina di tifosi del Venezia. Due di loro mercoledì hanno assistito allo stadio “Penzo” alla partita contro la Cremonese, prima uscita ufficiale in Italia del Venezia Fc Supporters Canada. Una bandiera con la foglia d’acero è infatti comparsa a fine partita in sala stampa, con Paolo Poggi – ambasciatore arancioneroverde – ad accompagnare Emanuele Garau e Maria Teresa Salgado, mentre Bruno Schiavon non era riuscito ad arrivare allo stadio. «Da piccolo ero già stato qui per vedere il Venezia contro il Cagliari, avendo chiare origini sarde» racconta Garau, «ma ho sempre avuto una grande passione per i colori arancioneroverdi. Noi veniamo da Toronto ma il gruppetto di tifosi del Venezia è sparso in tutto il Canada e stiamo crescendo, e cercando di stringere accordi con i pub delle nostre città per poter vedere sui maxischermi al mattino le partite del Venezia. Non è facile in un contesto dominato da hockey su ghiaccio e altri sport nordamericani. Ma vuoi anche per la vittoria in Mls proprio di Toronto, la passione per il calcio sta crescendo e Venezia è un nome che attira, come quello di Inzaghi
del resto». Attraverso i social network si è instaurato uno stretto rapporto tra i tifosi canadesi e la squadra. E con il ricordo della partita di mercoledì e il Venezia nel cuore, il rientro in Canada sarà più dolce con una borsa piena di sciarpe e gadget arancioneroverdi. (s.b.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik