Quotidiani locali

Mestre stanco e sbadato il Sudtirol lo castiga (1-0)

Calcio Serie C. Decisivo un gol di Costantino all’inizio del secondo tempo Finale nervoso, i tifosi rivogliono giocare al “Baracca” e contestano

PORTOGRUARO. Partita da playoff tra due squadra al decimo posto, appaiate a 21 punti. Ma non è stata una bella gara e gli arancioneri sono apparsi fisicamente più stanchi e spesso disuniti tra i reparti. Un punto in cinque partite sono pochi anche se il Mestre sta facendo i conti con sfortuna e acciacchi vari. I padroni di casa si presentano senza Perna e Lavagnoli rimettendoci in esperienza e fisico. Difesa affidata a Gritti e centrocampo rinforzato da Beccaro per un più prudente 3-5-2. Il Sudtirol bada a non prenderle ma tiene unite le fila e gioca semplice. Il Mestre fa girare palla per allargarsi ma il centrocampo del Sudtirol è veloce a ripiegare e togliere spazio alla manovra. Il resto lo fa la fisicità dei difensori che di testa arrivano sempre prima.

Il primo brivido arriva al 20’ con la difesa del Mestre schierata male. Costantino riceve e, per fortuna degli arancioneri, non tira di prima ma protegge palla e Beccaro gli toglie lo spazio del tiro. Il Mestre cerca il gioco, gli altoatesini si limitano al controllo e al lancio lungo. La prima frazione si chiude in parità con un leggero predominio del Mestre nel gioco ma sostanzialmente le due squadre si sono equivalse.

Seconda frazione che inizia con il Mestre che sembra entrato in campo con un altro piglio tanto che al 3’ un cross di Beccaro manda in confusione la difesa del Sudtirol che si salva dalla deviazione decisiva di Spagnoli solo per l’intervento sulla linea di Frascatore a Offredi battuto. Come troppo spesso accade nelle ultime partite il Mestre si fa trovare scoperto su un ripiegamento. Passaggio sbagliato a centrocampo, il Sudtirol riparte dalla destra con un cross basso, Favaro sbaglia di poco il tempo dell’uscita e si fa anticipare da Costantino. Sono passati solo 9’. Il Mestre si riversa in avanti e Zironelli fa entrare Zecchin per alzare il tasso tecnico e sfruttare le palle inattive ma il Sudtirol ricorre alle maniere forti e l’arbitro lascia giocare troppo, gli interventi duri non mancano e saltano i nervi. Il biancorossi si chiudono a riccio ma il Mestre non è preciso come il solito. Entra anche Sodinha per cercare di giocare tra le linee e proprio Sodinha al 29’ da fuori manda a lato di un metro. Zironelli rivoluziona la squadra. Tre cambi per sfruttare la velocità di Kirwan e il fiuto di Sottovia e passa al 3-4-1-2 avanzando Beccaro in appoggio. Il Sudtirol inizia a perdere tempo mentre il Mestre perde concentrazione. Al 41’ Zecchin innesca Sottovia che scarica in diagonale ma Offredi blocca. Gli arancioneri continuano a provarci ma sbattono sul muro eretto da Zanetti. Il muro non crolla e il Sudtirol stacca tre punti preziosi per chiudere
davanti al Mestre e fare sua l’ultima posizione valida per i playoff. A fine gara si registrano momenti di nervosismo, alcuni tifosi sbottano, forse stufi di una situazione che li vede costretti ad affrontare una trasferta anche per le partite in casa.

Gian Nicola Pittalis

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro