Quotidiani locali

un gesto di inciviltà 

Divelta la targa del “Giardino Herrera”

Vandalismo notturno vicino a San Siro e nei social c’è chi applaude

VENEZIA . A Venezia a lungo ha vissuto e nel cimitero di San Michele in isola è anche sepolto, ma nelle ultime ore a Milano, proprio a due passi dallo stadio di San Siro, Helenio Herrera ha subito un altro atto di vandalismo. L’altra notte è stato abbattuto il cartello che ricordava l’ allenatore della Grande Inter negli anni Sessanta. Proprio a ridosso di quello stadio in cui i suoi trionfi vennero esaltati da Mazzola, Suarez o Corso. Poco meno di un mese fa era stata infatti scoperta questa targa nel capoluogo lombardo. Piazza Axum il luogo prescelto. Ma a distanza di poche settimane quella targa è stata divelta e abbattuta con un gesto di chiara inciviltà. Il tutto è stato postato sui social network e in alcuni casi addirittura applaudito, tra inevitabili insulti e scontri verbali tra varie fazioni del tifo milanese. Al momento dell’inaugurazione della targa, il 9 novembre scorso, non erano mancate neppure le polemiche, perché i giardini intitolati al ‘Mago’ nerazzurro si affacciano proprio sulla curva sud dello stadio di San Siro, notoriamente cuore del tifo milanista. Tra chi ha preso le distanze da questo gesto e chi ha rincarato la
dose alle polemiche iniziali, ovviamente il cartello è stato rimesso al suo posto, anche se sulla targa che ricorda Helenio Herrera è rimasto l’adesivo “Milanismo militante”. Una vicenda destinata a far discutere ancora a lungo in seno alle tifoserie milanese ma non solo. (s.b.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista