Quotidiani locali

«Cercherò di battere il maestro Corini»

Simone Bentivoglio sabato prossimo al Penzo per la sfida con il Novara ritrova il suo allenatore dei tempi del Chievo

MESTRE . Ritrovare uno dei suoi maestri e dimostrare di saper mettere un pratica i suoi insegnamenti. Simone Bentivoglio rivede sabato Eugenio Corini, tecnico del Novara, passato però anche dal Chievo, club nel quale il centrocampista di Pinerolo è cresciuto tra il 2007 e il 2014, a parte le parentesi di Samp, Bari e Padova. «Ho ottimi ricordi dei mesi con Corini alla guida del Chievo» racconta il numero 7 del Venezia, «è stato uno dei migliori centrocampisti italiani nel ruolo che adesso ricopro io, spero di aver appreso tanto dai suoi insegnamenti come allenatore. Corini è stato un regista intelligente, ha avuto una carriera molto lunga da calciatore, rimanendo in campo fino a quasi quaranta anni. Se lo imitassi, avrei ancora tante stagioni davanti...». Bentivoglio ha infatti compiuto 32 anni, al Chievo incrociò Corini tra il 2012 e il 2014, adesso il tecnico bresciano di Bagnolo Mella è seduto sulla panchina del Novara. «Ogni gara nasconde le sue insidie, noi non abbasseremo la guardia» aggiunge Bentivoglio, «e la prepareremo nei minimi dettagli, come avviene da inizio stagione. Abbiamo grande rispetto del Novara, ma vogliamo continuare il nostro percorso. Stiamo disputando un grande campionato, abbiamo costituito un grande gruppo e questo è uno dei nostri punti di forza». Anche perché il Venezia ritorna al Penzo dove ha conquistato dieci punti nelle ultime quattro partite. «Ritroveremo i nostri tifosi, ma anche il nostro campo in erba» osserva Bentivoglio, «non è stato semplice districarci sull’artificiale di Chiavari. Un conto è giocarci una volta ogni tanto, un altro sempre e allenandosi sopra come fanno i giocatori dell’Entella. Per questo lo ritengo un buon punto. Noi abbiamo avuto il predominio in alcuni frangenti del match, l’Entella le occasioni più nitide, per cui ritengo che alla fine il pareggio sia stato un risultato giusto».

Venezia solidissimo, fase difensiva quasi impenetrabile da parte degli avversari, il salto di qualità deve avvenire nella metà campo altrui. «Qualche gol in più dovremo iniziare a farlo. Quasi derby con il Novara? Ma no, anche se io sono di Pinerolo...».

Intanto, Maurizio Domizzi è il primo giocatore del Venezia a entrare in diffida. Oltre a Fabiano, che ha ripreso a correre, continuano a lavorare a parte Garofalo e Pinato.

Tra le altre notizie, . B Solidale, la piattaforma di responsabilità sociale della seconda lega nazionale, promuove in concomitanza con il 25 novembre una campagna di sensibilizzazione
negli undici campi dove si gioca il 16° turno di campionato. I 22 club della Serie B, al termine del riscaldamento prepartita, consegneranno attraverso il capitano e un dirigente un mazzo di fiori a una rappresentante della squadra femminile.

Michele Contessa

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista