Quotidiani locali

basket serie C silver 

Caroldi, l’arma in più della Gemini

Quasi cento punti in cinque partite, Murano ha trovato il suo leader

MURANO. Un mese di C Silver dal suo arrivo alla Gemini Murano e il veneziano doc Mattia Caroldi è quasi arrivato a quota 100 nella classifica marcatori, 92 punti per la precisione, in appena cinque gare. Nell’ultima, contro Conegliano, Caroldi ha fatto impazzire i suoi marcatori diretti Bortolini e Mariani realizzando 21 punti con 5/7 da due e 3/8 da tre. Con lui in cabina di regia Murano è sempre più capolista, 18 punti in nove giornate. Classe 1982 il playmaker ha giocato molti campionati di B1 e A2 partendo da Montichiari per poi vestire le casacche di Latina, Trapani, Imola, Perugia, Firenze, Matera e infine a Cento. E a sedici anni di distanza dall’ultima volta a Venezia il suo ritorno in laguna.

Come mai la C Silver, dopo tanti anni di categorie superiori? «Quest’anno mi stavo allenando a Mantova con gli Stings in Legadue, ho fatto un mese e mezzo con loro ma non sono riuscito ad avere un contratto» spiega Mattia Caroldi, «quando sono tornato per una settimana a casa a Venezia mi ha chiamato Andrea Ferraboschi, allenatore che avevo avuto alle giovanili della Reyer. La società mi ha dato l’opportunità di allenarmi e fare qualche partita con la possibilità di liberarmi immediatamente in caso trovassi una sistemazione più adatta a quella che stavo cercando e che la scorsa estate mi è stata proposta da altre squadra». Come si sta a Murano? «Avevo chiesto informazioni a Causin e mi ha detto solo cose
positive» prosegue, «ed effettivamente è una società organizzata, disponibile e ambiziosa con tanta passione in tutti i suoi componenti. Il nostro obiettivo? È sempre quello più vicino, quindi vincere sabato ad Albignasego. Per i bilanci c’è tempo...».

Thomas Maschietto

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista