Quotidiani locali

karate 

Alla Venice Cup l’argento è di Rizzo

Arrivano anche quattro bronzi da Rais, Daltin, Zuin e Sbroggiò

CAORLE. Anche la 26ª edizione della Venice Cup va in archivio. Il karate della Fijlkam, quello che andrà alle Olimpiadi di Tokyo 2020, è approdato in terra veneziana ospitato al Palasport Vicentini di Caorle dove per tre giorni si sono avvicendati sui sei tatami oltre 1600 atleti provenienti da trenta nazioni. Ottimi i risultati raccolti dalle società veneziane: una medaglia d’argento e quattro di bronzo. Il secondo gradino del podio è arrivato con Michelle Rizzo che ha combattuto nel kumite U14 – 42 kg, superando la mantovana Ruberti per 3 a 2, l’emiliana Ronzoni per 4 a 3, la giapponese Ako Kubo per 5 a 2. In finale è stata sconfitta dall’altra giapponese, Miko Fukuoka, della Hasegawa School per 4 a 0.

Le medaglie di bronzo sono state conquistate negli U21 – 50 kg da Marta Rais del Karate Sporting Team, che per il terzo posto ha superato Elena Rosati della Polisportiva Mogliano, e negli U21 – 60 kg da Eric Daltin dell’Asi karate Veneto che ha superato Tondini, Saviozzi e prima di perdere il terzo incontro e rifarsi nei recuperi sconfiggendo Marletta. Altro bronzo negli juniores + 76 kg per Sathya Zuin del Karate Borbiago, che ha sconfitto Squillaci, Cingolani e il rumeno Lambru. Per ottenere il bronzo battendo Franzete. Nell’ultima giornata il bronzo è arrivato dai cadetti – 63 kg con Andrea Sbroggiò della
Polisportiva Terraglio. Sul suo percorso verso la medaglia ha prima superato Muggigat del Gorgo, Mignosa, e Cardelli, venendo eliminato da De Vivo. Alla fine ha preso il bronzo sconfiggendo nei recuperi il giapponese Omura Ryusei e il Croato Kakabic.

Marino Silvestri

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista