Quotidiani locali

Vai alla pagina su Venezia Calcio
Bentivoglio sicuro «Il gol  di Caracciolo ci ha dato la scossa»

Venezia Calcio

Bentivoglio sicuro «Il gol di Caracciolo ci ha dato la scossa»

Il playmaker del Venezia rivede la partita con il Brescia «Velocità e gioco a due tocchi, così abbiamo vinto»

MESTRE. Anima, uomo in più, leader, gli aggettivi si possono sprecare per Simone Bentivoglio, autore al “Rigamonti” di Brescia di un’altra prova da gran direttore d’orchestra. Eppure giusto un anno fa, all’inizio della sua avventura a Venezia, non se la passava benissimo in mezzo al campo, più sulla destra che nel cuore della manovra. Da inizio 2017 è tornato al centro del gioco arancioneroverde e ci hanno guadagnato in tre: la fluidità della manovra, i risultati e lui. Protagonista indiscusso l’ultima stagione in Lega Pro per il duplice successo in campionato e in Coppa Italia, il metronomo piemontese sta giocando ad alti livelli. E tutto il Venezia ne trae benefici, con una classifica da strabuzzare gli occhi e già vittorie con avversari di prestigio, come Bari, Empoli, Brescia, per citarne alcuni. Eppure l’altro ieri dalla Lombardia si rischiava di tornare a casa con un pugno di mosche in mano.

«Fa parte del gioco creare tanto e non fare gol» spiega Bentivoglio «ma siamo stati bravi a non mollare mai, a crederci. Sembrava fosse la classica gara scritta, manchi il vantaggio e vai sotto. Abbiamo dimostrato grande carattere. Al novantesimo eravamo molto felici».

Nella partita di Brescia ci sono state tante occasioni dalle parti di Minelli, almeno cinque nel solo primo tempo e i troppi errori stavano per compromettere un successo meritato. «Il Brescia ha fatto un gran gol» spiega Bentivoglio «ma nonostante Marco (Modolo ndr) gli fosse attaccato al corpo, Caracciolo è stato bravo a trovare quella prodezza di tacco. Ho preso subito la palla per riportarla a centrocampo e mettere in campo le ultime energie: c’era voglia di recuperare. Nel primo tempo, siamo stati bravi a ripartire con l’azione in modo veloce, al massimo due tocchi. All’intervallo, Inzaghi ci ha chiesto di continuare così ed è arrivato il successo, facendo emergere la forza del gruppo». Proprio quel gruppo che sembra essere il fattore in più di questi primi tre mesi di torneo. L’allenatore piacentino è riuscito a creare una squadra-base ma chi entra riesce sempre a dare quel qualcosa in più in grado di far girare la partita. Anche a Brescia è stato così, con i vari Geijo, Zigoni e Mlakar in grado di dare il loro contributo anche per pochi minuti. E il Venezia vola. Domenica il menu del pranzo al “Penzo” proporrà il Perugia, ai più considerato tra i favoriti per la promozione, dopo averla sfiorata cinque fa, e che dopo un avvio
con il piede pigiato sull’acceleratore, sta vivendo una fase a rilento. Guai a svegliar il can che dorme.

«Affronteremo gli umbri come sempre» continua il regista «con la convinzione di portecela giocare con chiunque».

Alessandro Ragazzo

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista