Quotidiani locali

Sartorato (Fidal): «Il mio primo anno è incoraggiante»

Atletica. Il presidente del comitato provinciale è soddisfatto «A livello giovanile competitivi in tutte le categorie»

MESTRE. Il primo anno al timone della Fidal provinciale di Venezia risulta decisamente buono per Gilberto Sartorato, presidente del nuovo comitato dal dicembre 2016. Per due mandati aveva ricoperto l’incarico di vice laddove il presidente per tre mandati era stato Vito Vittorio. Sartorato, tra l’altro eccellente maratoneta fino a qualche anno fa, si dichiara particolarmente soddisfatto di questo suo inizio di presidenza. «Innanzitutto vorrei ringraziare tutti i componenti del comitato, che sono il vice presidente Sandro Antonello, la segretaria Chiara Patuzzo, i consiglieri Michele Stellon, Pietro Bernardoni, Giancarlo Pasquali e i collaboratori Giorgio Bozzato e Maia Pastres» attacca il presidente «il loro è stato un apporto fondamentale fino ad oggi. Però vorrei sottolineare che abbiamo ereditato un comitato in salute, molto efficiente dove il lavoro svolto in precedenza aveva già portato degli ottimi frutti».

Un comitato in salute e in crescita costante?

«Assolutamente sì. Abbiamo ottimi rapporti con il comitato regionale e anche a livello nazionale godiamo di ampia fiducia dalla Fidal. D’altronde siamo una delle province che possono vantare un settore giovanile di tutto rispetto e anche a livello nazionale abbiamo dimostrato di essere competitivi su tutte le categorie. E non solo come risultati, ma anche a livello organizzativo, basti pensare che quest’anno abbiamo ospitato il triangolare internazionale di prove multiple Under 23 tra Italia, Svizzera e Francia e nel 2018 in giungo a Jesolo ospiteremo una fase dei Giochi del Mediterraneo Under 23».

Società e atleti in luce?

«Sul fronte delle società, e quest’anno ne abbiamo regolarmente iscritte quarantaquattro comprese le società che fanno solo attività master, i risultati migliori sono arrivati dalla Biotekna Marcon, una grande e consolidata realtà con la finale assoluta di società maschile gruppo Oro e le finali master e allievi. Subito dopo il Gruppo Atletico Coin con la squadra femminile vincitrice delle finale assoluta di serie B e quella maschile al quinto posto sempre in seri B e poi bene anche con gli allievi e allieve nelle finali nord est. Molto bene anche la Riviera del Brenta con il secondo posto nella finale assoluta femminile di serie B e terza con le allieve nella finale nord est. Nel settore giovanile oltre a queste tre società già citate risultati di prestigio sono arrivati dall’Audace Noale, la Jesolo Turismo, La Fenice Mestre, l’Albore Martellago e l’Atletico Sala. Tra i master e la corsa su strada eccellenti cose hanno fatto gli atleti della Tornado. Per il 2018 puntiamo anche al tesseramento di nuove realtà sul territorio. Come singoli atleti mi piace citare la crescita di alcuni cadetti come Guglielmi, Visentin, Brugnolo tutti campioni italiani e Zanon secondo. Tra gli allievi Fabio Pagan e poi un altro bel gruppo di junior».

Quindi un 2017 da mettere in cantiere con tutte luci e nemmeno un’ombra?

«Volendo trovare una negatività la possiamo ricercare nell’annoso problema degli impianti. Avremo il rifacimento della pista a San Giuliano, l’adeguamento della pista a Jesolo e la nuova pista a Caorle. Ora come ora come disponibilità ci sono
solo Noale, Dolo e Marcon».

Tuttavia a Marcon pare che il sindaco abbia dato l’ultimatum al presidente Boschiero di togliere tutte le attrezzature e liberare il campo. «Andrò a verificare questa situazione cercando di capirne i motivi, ma troveremo una soluzione».



TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista