Quotidiani locali

Vai alla pagina su Venezia Calcio
Falzerano: «Presto verranno i gol»

Venezia Calcio

Falzerano: «Presto verranno i gol»

Il tornante campano caricato dagli elogi del presidente valuta la situazione: «La squadra c’è, dobbiamo migliorare»

VENEZIA. È senza dubbio l’uomo di questo inizio stagione del Venezia. Marcello Falzerano macina chilometri su chilometri su quella fascia destra, quasi da lasciare i solchi quando arriva il novantesimo. Su e giù facendo la spola tra attacco e difesa, mai domo e sempre propositivo. Prova anche a tirare in porta, a volte, e il suo lavoro, anche senza palla, è encomiabile. Un folletto, insomma. Sabato, dopo il primo stop in campionato con il Parma, l’esterno ha ricevuto i complimenti dal presidente Joe Tacopina, il quale ha invitato gli altri giocatori a prenderne esempio dal tornante campano e a supportarlo nella sua azione. «È difficile commentare la gara dell’altro ieri» spiega Falzerano «perché il Parma non ha mai tirato in porta e siamo stati puniti su un’azione d’angolo. Poi loro sono stati bravi a subire poco. Certo, alla fine conta il risultato ma c’è tanta amarezza per com’è finita. Non dobbiamo buttarci giù, dobbiamo lavorare e migliorare le nostre lacune, perché sappiamo di avere dei limiti».

Dunque niente sfortuna o cose del genere per il laterale arancioneroverde, elogiato in sala stampa dall’avvocato americano. «Mi fanno piacere le sue parole» continua «ma anch’io devo migliorare. È evidente che a noi manchi qualcosa con tre reti fatte (di cui due su calci da fermo, ndr) in sei gare: sono convinto che troveremo presto la strada giusta». A vedere questo primo mese di torneo, al Venezia manca qualcosa davanti, un po’ perché di palloni giocabili ne arrivano pochi, un po’perché quando arrivano si è poco concreti. La Serie B è questa, difficile avere chissà quali occasioni nel corso della gara e, come dimostrano gli incontri dei lagunari, spesso sono gli episodi a determinare il risultato finale. Sabato è stato questo, un colpo di testa di Di Cesare, l’unico pericolo avversario, che prende e porta a casa. E Audero per 89 minuti a guardare gli altri. In generale, è un Venezia che concede poco, come dimostra la voce “gol subiti”, ma è la casella “reti fatte” da rimpolpare. Che si debba intervenire sull’attuale modulo che prevede due punte e tre, o cinque, centrocampisti? «Più che l’assetto tattico» continua Falzerano «dobbiamo essere più convinti e fiduciosi. Viviamo un periodo dove l’azzecchiamo poco ma sappiamo non è sfortuna».

Un avvio di campionato a tutta velocità per Falzerano, che non ha certo intenzione di fermarsi adesso. «So di dover
sempre perfezionarmi» aggiunge «perché questo è il mio modo di giocare ma devo essere più bravo nelle scelte fare, capire quando tenere palla o passarla». Sabato si gioca a terni, finora le soddisfazioni migliori sono arrivate proprio in trasferta.

Alessandro Ragazzo

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics