Quotidiani locali

Venezia, arriva il Parma É l’ora di vincere al Penzo

Calcio serie B. Si rinnova la sfida tra le protagoniste dell’anno scorso in Lega Pro Inzaghi recupera Bentivoglio, Modolo non è al meglio, Geijo ancora in panchina

VENEZIA. Andati in bianco i primi due assalti contro Salernitana e Spezia, il Venezia cerca di espugnare il Penzo, dove la vittoria in campionato manca dal 5 aprile, quando gli arancioneroverdi piegarono la Feralpisalò allenata da Michele Serena. Poi due pareggi in Lega Pro con Fano e Albinoleffe, seguiti dai due in Serie B. L’ultima vittoria, quindi, regalò la Coppa Italia contro il Matera.

Di fronte oggi c’è il Parma, domato nella passata stagione nella corsa verso la Serie B, categoria dove è approdato vincendo i playoff. Joe Tacopina, in tribuna, vuole festeggiare con una vittoria il suo ritorno al Penzo e l’esordio del marchio Estra sui pantaloncini di Domizzi e compagni.

«Ritroviamo il Parma, dopo l’entusiasmante duello della passata stagione in Lega Pro» parole del tecnico del Venezia, squadra ancora imbattuta dopo cinque partite «credo che ci siano le premesse per assistere a una bellissima sfida. Io vedo la mia squadra crescere di partita in partita. Non crediamo, però, che sia una gara semplice solo perché il Parma attualmente non sta attraversando un periodo positivo». Tre sconfitte consecutive possono però pesare. «Ogni partita fa storia a sé, il Parma era una squadra con un organico di Serie B già l’anno scorso. Ha inserito fior di giocatori in estate, vedi Dezi, Siligardi o Gagliolo. Mi fa piacere che queste due squadre possano affrontarsi in un palcoscenico, la Serie B, più congeniale alla storia dei due club». Difficile che Inzaghi possa operare più di uno-due cambi (Cernuto e Bentivoglio), se alla fine, nonostante le dichiarazioni della vigilia, non ha operato il turnover nemmeno ad Avellino. «Siamo a inizio stagione, i giocatori non possono essere stanchi» sostiene Inzaghi, «anzi, riusciamo a terminare sempre in crescita e il recupero è più che positivo. Anche il sistema di gioco sta funzionando. Sento parlare di bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno, e mi viene da ridere. Siamo una neopromossa, finora l’atteggiamento è stato sempre quello giusto. Sarei io, il primo ad arrabbiarsi se mi accorgessi del contrario. La squadra ha sempre dato segnali di grande compattezza, pronta ripartire per creare occasioni da gol».

Il Venezia recupera Bentivoglio in mezzo al campo, tra i convocati c’è anche Modolo, che ha passato positivamente l’ultimo allenamento essendo reduce dal colpo di frusta accusato lunedì sera al Partenio, possibile che in partenza si sistemi Cernuto al centro di Andelkovic e Domizzi. Geijo partirà ancora dalla panchina che - ha spiegato Inzaghi - non riesce ad allenarsi bene. Sulla lista degli assenti anche Fabris e Bruscagin, oltre a Garofalo, quest’ultimo tuttavia dovrebbe essere recuperabile per la partita di sabato prossimo a Terni.

Quanto al Parma, D’Aversa non ha a disposizione Ceravolo, ritorna Scavone dopo avere scontato due turni
di squalifica. Si cambia dopo la sconfitta interna con l’Empoli: tornano in difesa Di Cesare e Gagliolo, in mezzo al campo Scozzarella forse dal primo minuto, in attacco accoppiata Calaiò-Baraye con Insigne e l’ex veronese Siligardi a giocarsi una maglia.

Michele Contessa

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics