Quotidiani locali

Reyer, preso Kizlink Arrivato Cerella: «Resto in una grande»

Basket Serie A. Confermato l’acquisto del ceco (24 anni, ala) Ieri porte aperte al Taliercio, oggi la partenza per Alleghe

MESTRE. La Reyer chiude il cerchio e ultima il roster, senza alcuna sorpresa: sarà infatti Tomas Kizlink, 24enne ala della Repubblica Ceca, a completare il reparto stranieri dopo il forfait di Julyan Stone. Contratto pluriennale per il giocatore di Vyskov, attualmente impegnato con la sua Nazionale in vista di Euro2017. Per Kizlink si tratta di un ritorno in Italia, visto che per tre stagioni ha indossato la maglia di Treviglio. Cresciuto nel vivaio dell’Usk Praga, con cui ha vinto tre titoli nazionali a livello giovanile, ha giocato anche in Spagna a Caceres. Nella passata stagione ha iniziato all’Helios Domzale, affrontando tra l’altro la Reyer nella semifinale del torneo di Jesolo interrotta per problemi di corrente. Con la formazione slovena ha partecipato anche alla Champions League con 14.4 punti, 3,1 rimbalzi e 2,1 assist a partita. A metà stagione ha lasciato l’Helios Domzale per andare a giocare in Francia con il Bourg-en-Bresse.

Primo allenamento al Taliercio invece per Bruno Cerella, l’ala-guardia argentina con passaporto italiano, cinque ore di auto e subito in campo. «Una trattativa aperta pochi giorni fa», spiega l’ex idolo del Forum, «prima mi ha chiamato il mio agente, Andrea Forti, poi ho sentito De Raffaele, che conosco da tanti anni, dal 2008 ai tempi della Nazionale Under 22 di LNP, e di cui ho una grandissima stima, tanto che gli ho scritto anche un bel messaggio dopo la conquista dello scudetto. Credo che ci sia molto di De Raffaele nel tricolore vinto dalla Reyer. Non c’era molto da pensare, poi i buoni rapporti tra Livio Proli, Milano e la Reyer hanno permesso una chiusura rapida della trattativa». Dall’Olimpia alla Reyer Venezia. «Per me è una grande opportunità per continuare a giocare in una squadra di fascia alta, che disputa una coppa europea e che negli ultimi dieci anni ha compiuto una crescita esponenziale, partendo dalla Serie B per arrivare a conquistare lo scudetto». Da idolo del Forum a idolo del Taliercio? «Ho ottimi ricordi di questo palasport, i tifosi si fanno sentire, è un ambiente che carica, si respira l’aria della sana rivalità. Io garantisco sempre tutto il massimo impegno in campo, e questo mio comportamento è sempre stato molto apprezzato, a volte anche più di un canestro».

Circa quattrocento tifosi hanno assistito all’allenamento a porte aperte
al Taliercio, poi foto e autografi per giocatori e tecnici, mentre Dominique Johnson è atteso a Mestre tra domenica e lunedì. La Reyer partirà oggi per il ritiro di Alleghe, quartier generale all’hotel Alle Alpi, allenamenti nella palestra di Caprile.

Michele Contessa

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori