Quotidiani locali

Umana stavolta alla pari ma Lucca la spunta ancora

Basket femminile. In gara-2 dei playoff ottima prova delle veneziane in partita fino all’ultimo. Però non basta. E si torna a casa sotto per 2-0

LUCCA. Umana vicina al colpo, ma torna al Taliercio sotto 2-0 nella serie di semifinale contro la Gesam Lucca. Venezia più aggressiva, più convinta, gara che si decide nell'ultimo quarto quando la stanchezza prende il sopravvento. Nell'altra semifinale Ragusa passa a Schio (68-71) e pareggia in conti. Liberalotto mescola le carte rispetto a gara-1, inserendo in quintetto base sia Caterina Dotto che Favento al posto di Melchiori e Micovic. Umana più aggressiva, più presente in difesa, anche se fatica a carburare in attacco (6-2 al 3'). Le percentuali insufficienti del quintetto granata permettono alla Gesam di scappare via (15-7). Prima del timeout, Liberalotto inserisce anche Fontenette, che ha recuperato dalla distorsione alla caviglia. Dopo la sospensione inizia un'altra partita, l'Umana spegne la luce a Lucca, la tripla di Micovic innesca il 10-0 veneziano, compreso l'antisportivo fischiato a Battisodo, che capovolge l'inerzia del match (15-17). L'onda granata non si esaurisce con il suono della sirena, Venezia piazza un altro 7-0 in apertura di secondo quarto (15-24) che spedisce le toscane a -9 con un micidiale 17-0 esterno, Ruzickova a 8 punti (4/4 al tiro). Diamanti scuote la sua squadra, nonostante i tre falli di Francesca Dotto. Lucca serra le maglie in difesa, l'Umana soffre e si ritrova la Gesam a contatto (27-30), addirittura a -2 (30-32) dopo il 2+1 dell'ex Tognalini. Favento ripaga con la stessa moneta (30-35), Pedersen chiude la frazione (32-35).

Lucca rovescia il match all'inizio del terzo quarto (40-37) con Ruzickova a 3 falli. Carangelo dall'arco rianima Venezia (40-40), Sandri e Walker portano avanti l'Umana (43-46), che però si disunisce nella parte finale della frazione, rimane a secco per 4'15" consentendo il 10-0 toscano (53-46). Grande pressione dell'Umana alla ripartenza, Carangelo infila la terza tripla della sua serata (53-49), poi 3' di errori su ambo i fronti. Il ferro "sputa" fuori due triple di Fontenette e Walker, l'americana riduce il passivo (53-51) a -5'31" dalla sirena. La stanchezza prende il sopravvento sulle giocatrici: Harmon fallisce due liberi, Venezia perde palla in attacco. Emblematico. Walker dimezza il punteggio

(55-53), ma Francesca Dotto piazza una tripla mortifera per l'Umana (58-53). Time-out di Liberalotto. Carangelo è l'ultima a mollare (58-55), il canestro in scivolamento sulla linea di fondo campo di Wojta, a 43" dalla fine, chiude il match (60-55), inutile il libero di Walker. (m. c.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare