Quotidiani locali

la reyer maschile

Ress si ferma, problemi per De Raffaele in vista del Varese

MESTRE. Problemi sotto canestro per Walter De Raffaele. Se Jamelle Hagins sta forzando i ritmi con l'obiettivo di recuperare in extremis per la Final Four di Tenerife ed Esteban Batista è stato...

MESTRE. Problemi sotto canestro per Walter De Raffaele. Se Jamelle Hagins sta forzando i ritmi con l'obiettivo di recuperare in extremis per la Final Four di Tenerife ed Esteban Batista è stato nuovamente fermato per il fastidio al polpaccio, martedì sera si è fermato anche Tomas Ress. Il capitano granata ha riportato una distorsione alla caviglia che gli ha imposto lo stop. Se Ress non dovesse recuperare in tempo per la gara di domenica contro l'Openjobmetis Varese, De Raffaele si ritroverebbe con un pacchetto di lunghi dimezzato, avendo a disposizione Ortner, Peric ed Ejim. Su Hagins si era soffermato anche il tecnico granata. «Si sta allenando per poterci dare una mano nella Final Four di Champions League, ma i tempi sono strettissimi. Sarei davvero felice che fosse con noi a Tenerife perché se siamo arrivati alla fase finale il merito è anche delle sue prestazioni europee».

Il centro granata si è infortunato contro la Sidigas (distorsione al ginocchio sinistro) l'8 marzo nella gara di ritorno degli ottavi di Champions ad Avellino e la prognosi era di circa due mesi. «Faremo il punto all'inizio della prossima settimana con il dottor Beggio e il preparatore atletico Colombini», ha aggiunto De Raffaele, che ha visto frenare nuovamente il processo di inserimento nel gruppo e nella chimica di squadra di Batista.

In questa congiuntura ricopre un ruolo fondamentale Benjamin Ortner, autore di una prestazione positiva contro Brescia, dopo aver saltato la gara contro Milano per le rotazioni tra gli stranieri. «Ho l'età per poter gestire le situazioni, conosco il campionato italiano essendo alla dodicesima stagione», ha sottolineato il centro di Innsbruck, «Quando c'è bisogno del mio apporto, cerco sempre di dare il massimo e sono orgoglioso di poterlo fare in questa squadra che sta disputando una bellissima stagione».

Un campionato equilibrato come non mai. «Sì, ogni squadra può vincere o perdere contro chiunque», ha ammesso Ben Ortner, «Essere alle spalle di Milano è molto importante. Più bella stagione? Intanto deve ancora terminare e stiamo per entrare nella fase calda, ma anche il mio primo anno alla Reyer è stato molto gratificante con il secondo posto in regular season e la semifinale scudetto con Reggio Emilia».

Un secondo posto da difendere nelle ultime tre partite. «Quando sei davanti, sei padrone del tuo destino. Sappiamo che vincendo due delle tre partite che

ci mancano, la seconda piazza è sicura essendo in vantaggio negli scontri diretti con Avellino. Intanto pensiamo a superare domenica Varese, una delle squadre più in forma del campionato, sarebbe poi positivo arrivare a Tenerife sulle ali dell'entusiasmo di una vittoria».(mich. cont.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' PER GLI SCRITTORI

Stampare un libro ecco come risparmiare