Quotidiani locali

Veneti e alcol, Toscani torna alla carica

Il fotografo (che sarà al Vinitaly con un suo stand) dice che collabora con il Veneto per una campagna di prevenzione dal bere, l'Usl di Treviso lo smentisce

VENEZIA. «Con Fabrica (il centro di ricerca sulla comunicazione di Benetton) stiamo lavorando ad un progetto con un’associazione e con l’Usl 2 Marca Trevigiana per una campagna di comunicazione che mette in guardia le donne incinte dal bere alcol. Se fanno un progetto del genere, vede che qualche problema c’è. Poi possono nascere persone con problemi. È una cosa seria…». Nuove dichiarazioni di Oliviero Toscani sull'onda del "veneti tutti ubriaconi" di qualche anno fa, e puntuale arriva la smentita della Usl 2 di Treviso: “Non vi è in corso alcuna collaborazione tra l’Azienda Ulss 2 Marca Trevigiana e il signor Oliviero Toscani per quanto riguarda il progetto ‘Mamma beve, bimbo beve’ o altre iniziative che riguardino la prevenzione dell’alcolismo. Il progetto è stato avviato nel 2010 e, nella sua prima edizione e nel 2014, contò sulla collaborazione di Fabrica, senza alcun coinvolgimento di Toscani. Ogni eventuale ipotesi di collaborazione è da escludersi per l’atteggiamento stesso di Toscani".

Oliviero Toscani: "Veneti ubriaconi". La Cassazione lo assolve La Cassazione ha archiviato la denuncia presentata da quattro abitanti del Veneto, "nativi" della regione, che si si erano offesi per aver sentito Oliviero Toscani - intervistato il due febbraio 2015 alla radio da 'La Zanzara' - affermare che "i veneti sono un popolo di ubriaconi, alcolizzati atavici. Ad avviso della Cassazione, "Toscani ha fatto affermazioni del tutto generiche, indubbiamente caratterizzate da preconcetti e luoghi comuni (con riferimento alle asserite caratteristiche di abitanti in una determinata zona del territorio nazionale) ma prive di specifica connessione con l'operato e la figura di soggetti determinati o determinabili". Nè, tantomeno, nelle parole di Toscani - per la Suprema Corte - è ravvisabile l'incitazione all'odio etnico verso i veneti.

E non è finita qui. Toscani, che sarà al Vinitaly con un suo stand (produce anche vino), nella stessa intervista rilasciata a un quotidiano, afferma: "Hanno selezionato i miei vini che, i Veneti devono capire, sono molto meglio del Prosecco industriale, e quindi inquinante, che bevono». Ed è di nuovo guerra. 

Vini d'Italia 2018: ecco i migliori secondo l'Espresso Come ogni anno l'Espresso ha pubblicato il suo percorso tra i migliori vini del Belpaese. Numerosi i prodotti toscani citati nelle 430 pagine della guida diretta da Enzo Vizzari e curata da Antonio Paolini e Andrea Grignaffini, che si trova già in edicola e in libreria (video a cura di Yuri Rosati) - L'ARTICOLO

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik