Quotidiani locali

Vai alla pagina su Elezioni politiche 2018
Ecco perché Prodi ha commesso un errore

Ecco perché Prodi ha commesso un errore

Fino a qualche mese fa, Romano Prodi dichiarava di avere “piantato” la sua tenda fuori dal Partito democratico. Poi, partecipò al velleitario tentativo dell’ex sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, di costruire un Campo Progressista e lo sostenne, seppur non molto intensamente. In generale, non fece mai mistero di essere distante da non poche politiche e dallo stile di Matteo Renzi.

Improvvisamente, l’altro giorno ha dichiarato che voterà Partito democratico, proprio quando il Pd, con la formazione delle liste per il Parlamento, è definitivamente diventato il Partito di Renzi, addirittura, pronto, è opinione diffusa, a fare un governo con Berlusconi, l’avversario storico di Romano Prodi. Potrebbe, in effetti, essere stata proprio la formazione delle liste a dare la spinta, certamente richiesta dai dirigenti del Pd, affinché Prodi si pronunciasse ufficialmente. Infatti, nelle liste sono collocati tre collaboratori di lungo corso di Prodi, fra i quali la sua loquacissima portavoce, che, altrimenti, difficilmente avrebbero trovato spazio nell’epurazione renziana.

Prodi avrebbe forse potuto risparmiarsi l’attacco a “Liberi e Uguali” i quali non sarebbero, secondo lui, a favore della “coalizione” e dell’unità, dimenticando che, per quello che riguarda Bersani, suo “antico” e bravissimo ministro, è stato Renzi a spingerlo fuori dal Pd. Quanto alla coalizione, non saranno i sei o sette strapuntini parlamentari offerti a Insieme (dove stanno i prodiani) e a + Europa (dove ci sono i radicali di Emma Bonino) a fare del Pd di Renzi una sinistra plurale. Né Prodi può pensare che il pluralismo della sinistra verrà agevolato dall’elezione di Beatrice Lorenzin e di Pier Ferdinando Casini quest’ultimo come senatore del Pd proprio nel collegio in cui Prodi andrà a votare.

Nel passato, le dichiarazioni di Prodi a sostegno di candidati e problematiche non sono proprio state brillantissime. Nella campagna per sindaco di Bologna nel 2009 Prodi scese in campo a sostegno del candidato del Pd Flavio Delbono che fu prima costretto ad andare al ballottaggio, poi, sette mesi dopo l’elezione, dovette rassegnare le dimissioni e, accusato di peculato, truffa aggravata e abuso d’ufficio, patteggiò due volte per evitare la possibile condanna. Più di recente, dopo mesi di riflessioni e di critiche, pochi giorni prima del referendum costituzionale del 4 dicembre 2016, Prodi annunciò il suo sofferto “sì” che, evidentemente, non deve avere spostato moltissimi voti.

Adesso, comunque, che sposti voti oppure no, quel che è in discussione riguarda più che il sostegno dato al Pd, i cui dirigenti leggono giorno dopo giorno sondaggi molto preoccupanti, la sua critica a Liberi e Uguali, che contiene un tentativo di sostanziale delegittimazione. Qualcuno potrebbe pensare, personalmente non lo escludo, che Prodi stia ancora consumando la sua vendetta nei confronti di D’Alema accusato di avere seppellito l’Ulivo e di essergli subentrato come capo del governo nel 1998 e poi, forse, di avergli sbarrato la strada al Quirinale nel 2013, ma non si è mai trovato chi aveva la pistola fumante in mano. Ad ogni buon conto, chi vuole (ricostruire) l’unità delle sinistre non può pensare che la faciliterà e otterrà accusando esclusivamente una delle componenti, vale a dire Liberi e Uguali. Né può pensare che il recupero di una manciata di voti che potrebbe non andare a quello schieramento, ma, con qualche dubbio, al Pd, servirebbe a convincere Renzi che deve aprire le porte del suo partito accettando e, talvolta, valorizzando il dissenso.

Tecnicamente, salvo fatti nuovi e imprevedibili, Prodi ha rilasciato un endorsement irresponsabile, vale a dire senza tenere in considerazione le sue probabili conseguenze, nessuna delle quali appare al momento positiva. La coalizione si forma quando si trova un terreno d’accordo,

non con la subordinazione ad una maggioranza pigliatutto. L’endorsement di Prodi non porterà vantaggi al Pd di Renzi e non farà avanzare nessuna sinistra plurale. Ma non è affatto detto che questo sia l’obiettivo dell’ex leader di un Ulivo che fu.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon