Quotidiani locali

Conad si lancia sulla mobilità elettrica: entro sei mesi colonnine di ricarica in tutti i supermercati

Il progetto, in collaborazione con Enel, svelato nel giorno della presentazione dei conti: la società cooperativa chiude il 2017 con un fatturato in aumento del 5% a oltre 13 miliardi di euro, e prevede quasi 700 milioni di investimenti sulla rete distributiva nei prossimi due anni. L’ad Pugliese: “Le cose in Italia vanno meglio, ma servono segnali forti per consolidare la ripresa”

MILANO. Conad continua a crescere, e dopo i distributori di benzina ora investe – in collaborazione con Enel – anche sulla mobilità sostenibile. Entro i primi sei mesi del 2018, infatti, nei parcheggi di tutti supermercati della società cooperativa saranno installate un totale di 250 colonnine per ricaricare le auto elettriche: la prima postazione è stata attivata giovedì 14 dicembre ad Altopascio, in provincia di Lucca, nel giorno della presentazione dei risultati economici 2017.

I numeri, presentati a Milano, parlano di un’azienda che aumenta il fatturato e consolida la sua posizione sul mercato italiano. Nell’anno quasi concluso, il giro d’affari di Conad ha superato la quota dei 13 miliardi di euro, con un aumento del 5 per cento – circa 600 milioni – rispetto al 2016. In salita anche il patrimonio netto, arrivato a 2,4 miliardi (180 milioni in più dell’anno precedente), e la quota di mercato, che si attesta al 12,1 per cento: seconda solo al gigante delle cooperative Coop, da cui però la distanza si è più che dimezzata negli ultimi sei anni. Quest’anno 8,5 milioni di italiani, una famiglia su tre, sono stati clienti non occasionali di Conad, ha spiegato il Direttore commerciale Francesco Avanzini.
 
«La nostra crescita è più alta di quella dell’Italia» ha detto invece Francesco Pugliese, amministratore delegato della società: «le cose nel nostro paese iniziano ad andare meglio, ma la ripresa è trainata dalle esportazioni e non dal consumo interno, che è condizionato dalla prudenza e dall’aspettativa che la situazione possa migliorare. Per consolidare la ripresa servono segnali forti: liberalizzare i mercati, fare investimenti e creare occupazione; solo così si sostengono i consumi».

I risultati positivi di Conad, ha aggiunto Pugliese, si devono al buon andamento delle vendite dei prodotti a marchio – che hanno generato un fatturato di 3,2 miliardi e costituiscono quasi un terzo dei prodotti venduti nei negozi del gruppo – e agli investimenti nella rete di vendita, che continueranno nei prossimi due anni. Entro il 2019 la società spenderà infatti quasi 700 milioni per aprire nuovi negozi e ristrutturare quelli esistenti, al fine di rafforzare una rete che la vede leader in particolare al Centro e Sud Italia. Buona, infine, anche la performance della nuova linea di prodotti “Verso natura” (150 milioni di fatturato in un anno e mezzo dal lancio), e dei prodotti etnici, vegani e senza glutine: «Le nicchie di ieri sono i pilastri di oggi», ha detto Pugliese, secondo cui però la crescita dei prodotti gluten free è una bolla destinata a sgonfiarsi.

La collaborazione con Enel rappresenta un altro tassello dell’impegno di Conad sul versante della sostenibilità, ha concluso l’ad: «Vogliamo gettare le basi per un mondo diverso in termini di impatto ambientale», agevolando il processo di transizione verso un futuro caratterizzato dalla mobilità elettrica, ha detto Pugliese. «L’incontro con Enel – ha aggiunto – è stato molto facile: ci siamo

incontrati per la prima volta solo tre settimane fa, e oggi siamo già alla fase operativa». In ogni punto vendita saranno installate due colonnine: una in grado di ricaricare le auto in 20 minuti, l’altra invece in un’ora, «il tempo che di solito si impiega per fare la spesa».
 

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon