Quotidiani locali

Poste continua a contare i ricavi

Nei primi nove mesi dell’anno in crescita anche le masse gestite

MILANO . Fatturato in crescita, utili in calo nei primi nove mesi del 2017 per Poste Italiane (ma senza le operazioni straordinarie, e soprattutto la perdita per Alitalia, il risultato netto sarebbe stato in crescita del 18%). I ricavi totali del gruppo, inclusi i premi assicurativi, hanno segnato una crescita del 2% rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio e si attestano a 26,3 miliardi. Il settore assicurativo e del risparmio gestito ha contribuito con 19,5 miliardi di ricavi totali, in aumento del 3,9%; in flessione il settore operativo finanziario che ha registrato ricavi per 4 miliardi (-3,1%) e quello dei servizi postali e commerciali con ricavi pari a 2,7 miliardi di euro (-2,5%), penalizzato dalla fisiologica riduzione della corrispondenza. In quest’ultimo ambito, i ricavi corriere espresso, logistica e pacchi, pari a 502 milioni, hanno però registrato un aumento dell’8,8% rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio.

Il risultato operativo, pari a 1.176 milioni, è in flessione del 1,7% rispetto a quello dello stesso periodo del precedente esercizio (1.196 milioni). Il minor apporto derivante dal settore finanziario e dal settore postale e commerciale è solo in parte compensato dalla positiva contribuzione del settore dei servizi assicurativi e Risparmio Gestito. L’utile netto, pari a 724 milioni, è in calo del 10,3% rispetto agli 807 milioni dello stesso periodo del precedente esercizio e risente dei maggiori oneri finanziari relativi alla perdita di 82 milioni di euro prima dell’effetto fiscale, riconducibile ad Alitalia. La posizione finanziaria netta del gruppo presenta un avanzo di 5,5 miliardi rispetto a 6,2 miliardi di euro al 31 dicembre 2016. Nei primi nove mesi del 2017, le masse gestite/amministrate sono aumentate del 2,5% rispetto a 493 miliardi del 31 dicembre 2016 e ammontano a 505 miliardi. Il valore beneficia principalmente di una crescita della raccolta diretta BancoPosta sui conti correnti e delle riserve tecniche del comparto assicurativo vita.

«I risultati si presentano in continua crescita in termini di ricavi, raggiungendo i 26,3 miliardi di euro, con un incremento del 2% sul medesimo periodo dello scorso anno. Va evidenziato, inoltre, che le masse gestite/amministrate superano ormai stabilmente i 500 miliardi di euro, crescendo del 2,5% e assestandosi dunque ai 505 miliardi – ha commentato l’amministratore delegato di Poste Matteo Del Fante – il risultato a livello operativo si mostra in lieve calo rispetto al primo semestre, tuttavia, è necessario ricordare che, nei primi nove mesi dello scorso anno, il Gruppo aveva beneficiato di una plusvalenza dovuta all’effetto non ricorrente della cessione della quota in Visa Europe. Inoltre, nei primi nove mesi del 2017 Poste ha messo a bilancio alcuni accantonamenti ed è venuto meno l’apporto di Banca
del Mezzogiorno-Medio Credito Centrale, società ceduta ad Invitalia; al netto di queste partite straordinarie l’utile operativo sarebbe stato pari a 1.237 milioni, mostrando una crescita del 18%, se confrontato con il medesimo periodo dello scorso anno».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista