Quotidiani locali

Referendum a Catalogna, una sequenza di errori da entrambe le parti

La premessa è che il referendum per l’indipendenza, ovvero, in pratica, la secessione, della Catalogna dalla Spagna è stato dichiarato illegale dalla Corte Costituzionale. Dunque, non si sarebbe dovuto tenere. Però, una volta iniziata la procedura, la sequenza di errori e di esagerazioni da entrambe le parti, governo spagnolo e governo (Generalitat) catalana ha prodotto e continua a produrre conseguenze assolutamente deprecabili. Sarebbe sostanzialmente inutile ricordare che la Catalogna ha sempre avuto delle divergenze con il governo centrale, per ragioni storiche, per la repressione cui fu sottoposta dal franchismo, per la convinzione che troppe sue risorse vadano fuori dai suoi confini a favore di altre regioni spagnole. Tutto questo è vero, ma insufficiente a spiegare l’insistenza del presidente Puigdemont e della sua compagine di governo per giungere a un vero e proprio distacco dalla Spagna. D’altro canto, il governo centrale, di minoranza, guidato dal capo del Partito Popolare, Mariano Rajoy (i Popolari sono debolissimi in Catalogna), non aveva forse altra scelta che opporsi frontalmente a un referendum che potrebbe aprire la strada a rivendicazioni estreme di altre Comunità autonome (come sono chiamate le Regioni in Spagna), a cominciare dai Paesi Baschi e, addirittura, alla disgregazione della Spagna. L’invio della Guardia Civil a Barcellona e nelle altre città catalane ha, inevitabilmente, comportato scontri fisici con i catalani indipendentisti o che, semplicemente, volevano votare, esprimere la loro preferenza.

Tanto Puidgemont quanto Rajoy sono andati troppo avanti per potersi fermare temendo di “perdere la faccia” che comporterebbe probabilmente perdere il potere politico e la loro carica. Le immagini televisive e fotografiche, quelle trasmesse attraverso la rete, della Guardia Civil che usa la forza per impedire il voto, che picchia i dimostranti, che rovescia le urne, vanno sicuramente a scapito del governo centrale. Bisogna, però, andare oltre quelle immagini. Andando all’indietro, deve rimanere fermo quanto sancito dalla Corte Costituzionale: nessun referendum. Andando avanti s’incontrano due interrogativi complessissimi. Il primo riguarda quale strada intraprendere per giungere a una riflessione tutt’altro che teorica, ma potentemente politica: tutte le minoranze organizzate che abbiano il controllo di un territorio e che siano in grado di invocare una storia, una cultura, una lingua comuni godono automaticamente di un diritto alla secessione? In un’Europa che vuole costruire una comunità sovranazionale federale bisogna passare attraverso l’accettazione di identità subnazionali? In parte, il problema è già stato posto dagli scozzesi, il cui referendum vide, però, la sconfitta degli autonomisti/secessionisti. Il secondo interrogativo concerne il comportamento del governo spagnolo.

Non sarebbe stato preferibile lasciare che i catalani si esprimessero con il voto, democraticamente (anche se in casi come questi la pressione sociale finisce spesso per impedire la totale libertà di espressione del voto) e poi valutare l’esito numerico per procedere a negoziati? Comunque, l’eventuale vittoria del sì avrebbe dovuto essere valutata con riferimento alla percentuale dei votanti e seguita da una riflessione su come tradurla in un processo politico che, come dimostra la Brexit, certo, a un altro livello, sarebbe oscuro e molto denso di complicazioni. I catalani hanno messo in movimento qualcosa di più grande di loro, in maniera che penso sia corretto definire irresponsabile, ovvero senza curarsi delle conseguenze e cercando di addebitarle tutte allo Stato centrale. Nessuno pensi che quanto sta succedendo è colpa dell’Unione Europea né che la soluzione debba venire esclusivamente
dalla UE che guarda attonita e preoccupata, ma giustamente non interviene in un delicatissimo scontro interno ad uno Stato-membro. Troppo facile concludere che nulla sarà come prima. Triste pensare che, almeno per qualche tempo, sarà peggio di prima.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista