Quotidiani locali

Uragano Harvey: due esplosioni in impianto chimico in Texas

Sono 37 le vittime accertate del disastro ambientale che ha travolto il Texas. Migliaia gli sfollati, non si contano i dispersi. C'è anche lo spettro dell'inquinamento: sversamenti in raffinerie Exxon e Shell

HOUSTON. In Texas prosegue l'incubo del post-uragano Harvey, che ha già mietuto almeno 37 vittime. Due esplosioni si sono verificate nell'impianto chimico Arkema di Crosby, a nord-est di Houston. Il presidente della ditta aveva lanciato l'allarme per il guasto del sistema di raffreddamento dell'impianto. Le forti piogge legate all'uragano hanno provocato l'allagamento dell'impianto. Secondo i testimoni si vedono nubi nere. Le autorità locali avevano ordinato l'evacuazione in un'area di un miglio e mezzo dall'impianto.

Texas: il drone in volo sulle zone alluvionate di Houston Nelle immagini dei droni i danni delle inondazioni causate dal passaggio dell'uragano Harvey a Brays Bayou, nella zona dell'università di Houston. L'acqua ha sommerso le strade e ha raggiunto le case, molte delle quali sono state evacuate

Il rischio nelle raffinerie petrolifere. C'è inoltre un allarme per i pericoli di inquinamento causati dalle sostanze fuoriuscite dalle raffinerie gestite da Exxon, Shell e altre compagnie petrolifere, danneggiate dalle piogge torrenziali. Alcune di queste sostanze, come il benzene, sono classificate come cancerogene. La chiusura degli impianti texani, che rappresentano circa un quarto della capacità di raffinazione Usa, sta creando anche un serio danno economico, ripercuotendosi sui mercati e rallentando la crescita dell'economia americana di almeno lo 0,2% nel terzo trimestre, dopo il balzo del 3% nel secondo.

Uragano in Texas: madre e neonato salvati dall'elicottero Nelle immagini diffuse dalla Guardia Costiera del Texas il salvataggio di una donna e di suo figlio appena nato, rimasti bloccati sul tetto della loro casa a College Station dalle inondazioni seguite al passaggio dell'uragano Harvey

L'uragano raggiunge anche la Louisiana. Insomma, l'uragano Harvey fa ancora paura e dopo sei giorni sembra non volersene andare. Anzi sta raggiungendo gli altri stati del sud degli Usa. Ha toccato terra per la seconda volta ieri mattina, 30 agosto, in Louisiana, lo Stato già flagellato nel 2005 da Katrina, facendo cadere una grande quantità di pioggia prima di spostarsi verso l'Arkansas, il Tennessee e parti del Missouri. Ci sono rischi di nuove inondazioni, ma meno catastrofiche di quelle che hanno messo in ginocchio Houston e il Texas del sud, dove secondo il governatore Greg Abbott l'uragano ha causato un disastro "ben più grande" di quelli di Katrina nel 2005 (oltre 1800 morti) e Sandy nel 2012 (oltre 200 morti). Poi comunque Harvey dovrebbe indebolirsi ed essere ulteriormente declassato da tempesta tropicale a depressione tropicale.

Uragano Harvey, catena umana per scortare donna in travaglio: la solidarietà dei vicini di casa Scortata da una catena umana per arrivare fino al camion che l'avrebbe portata all'ospedale. Il passaggio sul Texas dell'uragano Harvey regala anche storie di umanità e di solidarietà. Come quella di Annie Smith, 32 anni, che si è ritrovata in travaglio quando fuori dalla sua casa di Houston le automobili non potevano più circolare a causa degli allagamenti.Sia Annie che suo marito Greg sono dottori: non riuscendo a contattare nessuno (le linee telefoniche dei soccorsi erano intasate) hanno cominciato a mettere insieme forbici e garze e a sterelizzarli. Dopo molte ore e molti tentativi finalmente un mezzo di soccorso è stato trovato. Un camion. Restava da fare l'ultimo passo: salirci. Le strade allagate non permettevano un passaggio sicuro alla donna: in suo aiuto sono arrivati i vicini di casa, che hanno creato una catena umana per farla salire sul mezzo di trasporto. Dopo undici ore dal suo arrivo in ospedale Annie ha dato alla luce Adrielle, già soprannominata dai membri della famiglia 'Little Harvey' e 'Hurricane'(a cura di Mario Di Ciommo) Facebook / Molly Akers

Beneficienza e sciacallaggio. Molti i dispersi, tra di loro anche due soccorritori. Gli sfollati sono almeno 30mila in oltre 230 centri di accoglienza sempre più al limite della capienza, tanto che si sono mobilitate altre città come Dallas, San Antonio e la capitale Austin. Continuano intanto le donazioni delle grandiaziende (anche la Disney) e delle star (ultima l'attrice Sandra Bullock con 1 milione di dollari). A Houston il sindaco ha proclamato il coprifuoco dalla mezzanotte alle cinque su richiesta della polizia, dopo alcuni casi di sciacallaggio.

Texas, coro gospel canta per gli sfollati dell'uragano: esibizione improvvisata nel rifugio Sono migliaia le persone che negli ultimi giorni sono state costrette ad abbandonare le loro case a causa della violenza dell'uragano Harvey. Questo video è stato girato all'interno del "Lone Star Convention and Expo Center" di Huston, in Texas: mostra un gruppo gospel esibirsi per gli sfollati nel tentativo di tirare loro su il morale. L'esibizione di circa 25 minuti è stata un vero successo sui social dove è stata vista da oltre 400mila persone

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista