Quotidiani locali

Rimini, coppia aggredita in spiaggia: lei stuprata, lui picchiato. Violenza anche a un trans

L'episodio si è verificato nella notte tra venerdì 25 e sabato 26 sulla spiaggia all'altezza del bagno 130. Gli autori dello stupro avrebbero violentato anche un transessuale peruviano, lasciandolo poi ferito in strada. La polizia di Stato è sulle tracce di quattro persone, forse straniere

Rimini: stupro in spiaggia, i rilievi della scientifica Polizia scientifica al lavoro sulla spiaggia del bagno 130 di Miramare, dove la scorsa notte 4 persone hanno aggredito una coppia di turisti polacchi, picchiando l'uomo e violentando la donna. La stessa notte le violenze sua una persona transessuale peruviana sulla vicina Statale

RIMINI. Una donna è stata violentata in spaggia da quattro uomini che hanno malmentato il suo fidanzato. Lei stuprata ripetutamente da quattro uomini davanti al fidanzato, lui aggredito, picchiato e rapinato. E' accaduto la notte tra venerdì 25 e sabato 26, sulla spiaggia di Rimini,all'altezza del bagno 130. La polizia di Stato è sulle tracce di quattro persone, forse straniere. Si tratta di una coppia di turisti polacchi, trasportata in ospedale. "Vi prego, aiutateci a tornare a casa". E' l'appello della ragazza polacca - riportato dall'edizione locale 'Il Resto del Carlino' - dal ricovero.

Le vittime erano una coppia di polacchi. Erano in vacanza a Rimini con un gruppo di connazionali dalla Polonia, alloggiati in un hotel di via Padova, e ieri era l'ultima sera di vacanza per i due giovani, di 26 anni. Lei è stata violentata a ripetizione da quattro uomini; lui, aggredito e colpito al capo più volte, è stato lasciato a terra svenuto. Il loro gruppo proprio questa mattina è ripartito per tornare a casa, non i due giovani, ancora ricoverati.

L'aggressione alle 4 di notte. La coppia, quando è stata aggredita, si era probabilmente appartata da poco per un pò d'intimità sotto le stelle in un luogo poco illuminato. Erano stesi sui lettini del bagno a scambiarsi effusioni quando i quattro sono comparsi dal nulla, aggredendoli. E' successo intono alle 4 e l'allarme è scattato quando alcuni passanti, vedendo la coppia insanguinata e sotto choc camminare sul lungomare, hanno chiamato la polizia.

Il giovane dovrebbe essere dimesso a breve dal Pronto Soccorso, per essere sentito nuovamente in Questura con l'ausilio di un interprete, anche se parlerebbe correntemente inglese. Sequestrati gli indumenti della ragazza, tra cui i pantaloncini corti che indossava al momento dello stupro. Per lei è stato immediatamente attivato il protocollo sanitario previsto in caso di violenza sessuale e l'assistenza psicologica.

Stesso gruppo violenta anche un trans. Gli autori dello stupro in spiaggia a Rimini avrebbero violentato anche un transessuale peruviano, lasciandolo poi ferito in strada. La notte scorsa quattro giovani, dopo aver aggredito la coppia di turisti polacchi, lei violentata e lui rapinato e picchiato, avrebbero proseguito la nottata di violenza sotto l'effetto di alcol e droga, dirigendosi verso la Statale a Miramare dove hanno incontrato un transessuale di origine peruviana, abusandone sessualmente. Indaga la Polizia.

Caccia agli aggressori. Notte di pattugliamenti e controlli serrati a Rimini e dintorni per rintracciare i quattro ragazzi responsabili dello stupro. Al lavoro senza sosta gli investigatori della polizia scientifica e della squadra mobile della Questura di Rimini, guidata dal questore Maurizio Improta, che stanno approfondendo le testimonianze delle vittime dell'aggressione alla ricerca di maggiori dettagli che possano condurre all'identificazione degli autori della brutale violenza.

Il Comune di Rimini: brutalità sconvolgente. "Il terribile episodio che si è consumato questa notte sulla spiaggia di Miramare ci sconvolge per la sua brutalità e bestialità". Questa la dichiarazione dell'Amministrazione Comunale, a nome dell'intera città, con la quale si "esprime la totale, assoluta solidarietà e vicinanza alla ragazza vittima della violenza e al suo compagno oggetto di una feroce aggressione. L'Amministrazione si rende immediatamente disponibile per ogni forma di supporto e di aiuto di cui possano avere bisogno".

"Siamo in costante contatto - aggiunge l'Amministrazione - con il Questore Maurizio Improta, che ci sta aggiornando sugli sviluppi di una vicenda che ferisce tutta la città e per la quale Rimini chiede giustizia. Rivolgiamo un appello anche ai cittadini affinché collaborino con le forze dell'ordine segnalando ogni elemento che possa essere utile all'indagine".

Questore Rimini, autori della violenza reduci da notte sballo. "Gli autori dell'aggressione dello stupro erano, spero di non essere smentito dalle indagini, reduci da una notte di sballo con abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti". Lo ha detto il questore di Rimini, Maurizio Improta, che oggi, dopo un'estate tra le più 'safe' degli ultimi anni, si trova di fronte ad un caso viceversa tra i più odiosi per circostanze e vocazione del territorio: stupro di gruppo e rapina in spiaggia.

Sindaco: Rimini parte civile. Il Comune di Rimini si costituirà parte civile. Lo ha fatto sapere il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, con una nota. «Non nascondiamolo - scrive Gnassi - : davanti a fatti tremendi, fuori anche da ogni perversa ’logicà criminale, in cui il tratto dominante è il male e la mancanza di qualsiasi pietà e umanità, vacilla l’architrave stessa della convivenza delle persone in quella che si definisce comunità. Ognuno di noi, d’istinto, può pensare a qualsiasi tipo di punizione possibile per i responsabili. Per le tre vittime dell’allucinante notte di terrore tra venerdì e sabato, Rimini chiede giustizia. Significa, una volta individuati, arrestati e processati, condannare i responsabili alla punizione massima prevista dalle leggi vigenti. Senza sconti, senza attenuanti, senza psicologismi e sociologismi, senza buone condotte: la punizione massima prevista dalle leggi vigenti».

Toti: sono bestie, serve pena esemplare. «Stuprata a Rimini da 4 bestie. Serve pena esemplare. Questa non è l'Italia che vogliamo!» Lo scrive su Facebook Giovanni Toti, presidente della regione Liguria e consigliere politico di Silvio Berlusconi commentando l'azione di quattro persone sulla riviera romagnola.

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista