Giuseppe Bianchi

militare, Battaglione Lombardo Volontari Ciclisti Automobilisti, 3^ compagnia, volontario

Gravedona (CO) , 1893 / 1927

Il diario, una cui riproduzione è stata depositata presso l'Archivio Diaristico Nazionale nel 1992, descrive l’esperienza di guerra vissuta dal soldato Giuseppe Bianchi, che prestò servizio nel Battaglione Lombardo Volontari Ciclisti Automobilisti nel 1915.

Il battaglione, formatosi nel maggio del 1915, e sciolto nel dicembre dello stesso anno, è passato alla storia per via dei tanti esponenti del movimento futurista che vi si arruolarono: Umberto BoccioniFilippo Tommaso Marinetti, Antonio Sant'Elia e Anselmo Bucci, ai quali si unirono in un secondo momento anche Luigi Russolo, Achille Funi, Mario Sironi, Carlo Erba e Ugo Piatti.

Nonostante lo scioglimento del battaglione la maggioranza dei futuristi continuò la guerra arruolandosi in altri corpi dell’esercito. In molti persero la vita prima della fine del conflitto: tra questi Umberto Boccioni, Carlo Erba, e l’architetto Sant’Elia

Racconta spionaggio, aeroplani, retrovie, svago, nemici, azioni, freddo, combattimenti, bombardamenti, fortuna e sfortuna, sete

Eventi e luoghi