Giovanni Piazza

militare, 25° fanteria, brigata Bergamo, II° battaglione, soldato

Sirone (LC) , 1 luglio 1890 / 1987

A novantatre anni, uno scalpellino lombardo scrive la sua storia di vita e si sofferma sulla partecipazione alla Grande Guerra, dove combatte e resta ferito dallo scoppio di una granata nei pressi di Monfalcone, sulla quota 144. Guarito, tornerà al fronte fino al termine del conflitto. La sua esperienza militare si concluderà con l'onorificenza di cavaliere di Vittorio Veneto mentre la sua testimonianza sarà depositata presso l'Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano nel 2005.

Racconta combattimenti, assalti, morti, feriti, disciplina militare, bombardamenti, ospedali

Eventi e luoghi