Mario Ginelli

militare, 1° reggimento fanteria, Brigata Re, soldato

Ripalta Arpina (CR) , 10 novembre 1898 / 25 dicembre 1971

Mario Ginelli ha scritto i suoi “Ricordi che non si dimenticano” su un quaderno a righe, con calligrafia continua e ordinata. A pagina 2 c’è una nota: “prego non criticare per li errori che questo è solo per ricordare la mia vita di guerra”. Una guerra combattuta in prima linea con il 1° reggimento di fanteria della Brigata Re che ebbe quasi 600 morti e circa 2500 feriti, tra cui lo stesso Ginelli. Il suo diario è stato consegnato all'Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano nel 1993. 

Racconta famiglia, battesimo del fuoco, paura, azioni, bombardamenti, ritirata, fame, sete, gas, assalti, fortuna e sfortuna, morti, combattimenti, vita in trincea, cattura di prigionieri, disciplina militare, feriti

Eventi e luoghi