Francesco Arturo Sironi

militare, 2° reggimento fanteria, brigata Re. Poi 259° fanteria, brigata Murge. Poi 236° fanteria, brigata Piceno

Milano , 21 marzo 1892 / 6 novembre 1976

Un fiume di lettere e cartoline alla sorella Ines e alla madre: Francesco Arturo Sironi è un soldato che partecipa alla Prima Guerra Mondiale sin dall’inizio, e manifesta nel desiderio di scambiare continue informazioni con gli affetti che sono rimasti a casa tutto il proprio attaccamento alla vita. Una vita che sarà messa in pericolo nell’agosto del 1917, quando subirà una grave ferita ad una gamba che gli lascerà alcune dita dei piedi paralizzate. Guarito ma claudicante, Francesco Arturo non tornerà più al fronte. Le lettere dell’epistolario che l'Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano conserva dal 1989 sono scritte con una calligrafia a tratti molto difficile da decifrare, al punto da rendere incomprensibili numerosi passaggi.

Racconta famiglia, amore, paura, bombardamenti

Eventi e luoghi