Domenico Bacci

Cappellano militare, 265° reggimento fanteria, Brigata Lecce, tenente

Terranuova Bracciolini (AR) , 1881 / 1974

Sacerdote chiamato alle armi nell’estate del 1916, viene dapprima assegnato a Treviso all’VIII Corpo di Sanità con funzioni di disinfezione, poi promosso tenente e cappellano militare nel 265° reggimento, Brigata Lecce. Scrive le sue memorie negli anni Settanta, che spaziano dalla Prima guerra mondiale alla seconda. Il suo diario è conservato a Pieve Santo Stefano.

Racconta bombardamenti, vita in trincea, morti, ritirata, retrovie, fame, orrori, aeroplani

Eventi e luoghi